BILANCI CON ALTRE SOCIETÀ

di Ezio Liporesi per Virtuspedia

(aggiornata alla stagione 2020/21)

 

La prima partita di una formazione Virtus ci risulta essere stata giocata il 19 marzo 1930 nel Campionato Nazionale Emiliano di Prima Divisione. In campo scese la Virtus B (la Virtus A in quella prima giornata osservava un turno di riposo), che per la cronaca venne sconfitta dalla Bologna Sportiva C (Minghetti) per 14-6. Da allora tantissime gare, di campionato, delle varie coppe italiane ed europee, manifestazioni extraeuropee come l'Open, poi amichevoli e tornei vari. Con un lavoro non semplice, tra il proliferare delle squadre nei primi anni e le più recenti fusioni, radiazioni, scioglimenti e rifondazioni, Virtuspedia ha ricostruito i bilanci con tutte le società incontrate, italiane e straniere, cercando di inserire in un'unica casella squadre che mantenessero comunque una certa continuità, anche a fronte di denominazioni diverse. Alla fine il totale è di oltre 4000 gare, circa 3000 ufficiali e più di 1000 amichevoli. Una percentuale molto piccola di queste ultime non è provvista di risultato, ma nella maggior parte dei casi si tratta di gare in cui il punteggio non veniva tenuto. Il tutto è aggiornato all'ultima gara disputata.

 

 

 

LEGENDA

g: giocate

v: vinte

vt: vinte in trasferta

p: pareggiate

pt: pareggiate in trasferta

s: perse

sc: perse in casa

m: manifestazione

nd: risultato non disponibile

Ca: Coppa dei campioni

Eu: Eurolega

Co: Coppa delle coppe

Sa: Saporta cup

K: Coppa Korac

Ec: Eurochallenge

Ul: Uleb cup

Fi: Fiba cup

Cl: Champions League

Ecp: Eurocup

Ic: Coppa Intercontinentale

Op: torneo Open

 

 

 

Bilanci con società italiane

 

società campionato coppe italiane coppe europee amichevoli totali
g v vt p pt s sc g v p s m g v vt s sc g v p s nd g v p s nd
ALTO ADIGE  
Rappresentativa Alto Adige                                   1 1       1 1      
 
AGRIGENTO  
Fortitudo Agrigento (Moncada)               1 1                           1 1      
 
AGROPOLI  
Agropoli Basket                                   1 1       1 1      
 
ANCONA  
GUF Ancona                                   1 1       1 1      
Stamura Ancona (Ceramital) 4 3 1 1 1                         3 3       7 6 1 0  
 
ASTI  
Libertas Asti (Saclà) 4 2       2   1 1                 5 4 0 1   10 7 0 3  
 
AVELLINO  
Felice Scandone Avellino (De Vizia, Air, Sidigas) 32 21 9     11 4 2 1   1             3 1     5 37 23   13 1
 
BARI  
GUF Bari                                   1 1       1 1      
 
BENEVENTO  
Libertas Benevento (Moretti)                                   1 1       1 1      
 
BERGAMO  
Alpe Bergamo (Binova) 2 2 1                                       2 2      
Bluorobica Bergamo (Comark)                                   1     1   1     1  
 
BIELLA  
Biella Pallacanestro (Fila, Lauretana, Angelico, Eurotrend) 25 13 2     12 2 2 2                 5 4   1   32 19   13  
Libertas Biella (Aramis, Cecchi) 17 15 6     2                       2 2       19 17   2  
 
BOLOGNA  
Acli Labor Bologna                                   1 1       1 1      
ASIP Bologna                                   1 1       1 1      
Bastia Bologna                                   1     1   1     1  
Bologna Sportiva1                                   31 15 1 10 5 31 15 1 10 5
Centuria Avanguardia Galvani Bologna                                   2     2   2     2  
Dopolavoro Ferroviario Bologna2                                   5 3   1 1 5 3   1 1
Fasci Giovanili Bologna                                   1 1       1 1      
FDG Tinti Bologna                                   1 1       1 1      
Fortitudo Bologna3 (Cassera, Eldorado, Alco, Mercury, I&B, Latte Sole, Yoga, Arimo, Aprimatic, Filodoro, Teamsystem, Paf, Skipper, Climamio, Upim) - Fortitudo 103 Bologna (Kontatto, Pompea, Lavoropiù) 89 49 23     40 20 13 8   5 Eu 8 6 2 2 1 48 21   21 6 158 84   68 6
Galvani Bologna - S.S. Galvani Bologna - Ass. Pallacanestro Galvani Bologna4                                   17 2   11 4 17 2   11 4
GD Bologna                                   1 1       1 1      
GIL Bologna                                   3 1   1 1 3 1   1 1
Giordani FC Bologna5                                   1 1       1 1      
Gira Bologna (Preti, Santipasta, Lovari, Fides, Bumor, Unipol, Marazzi, Fernet Tonic, Harrys, Calderini, Pentagruppo) 36 30 16 1 1 5 4 1 1                 19 14   3 2 56 45 1 8 2
Gruppo Rionale Corridoni Bologna6                                   2 2       2 2      
Gruppo Rionale Fascista Mario Becocci Bologna                                   1 1       1 1      
GUF Bologna7 2 2 1                             16 9   6 1 18 11   6 1
GUF Galvani Bologna8 2 2 1                             12 6   6   14 8   6  
Motomorini Bologna 8 7 4     1 1                     2 1   1   10 8   2  
Mussolini Sandro FGC Bologna9                                   1     1   1     1  
OARE Bologna 2 2 1                             3 2   1   5 4   1  
Pettazzoni Bologna                                   1     1   1     1  
Piedimonte Bologna                                   1       1 1       1
Pro Juventute Bologna10                                   12 5   7   12 5   7  
Salus Bologna11                                   4 3   1   4 3   1  
Sant'Agostino Bologna (Alcisa) 4 4 2                             7 7       11 11      
Timo Bologna                                   2 2       2 2      
Vecchio Gira Bologna                                   1 1       1 1      
 
BOLZANO  
Lancia Bolzano                                   1 1       1 1      
 
BORGO VAL DI TARO                                                      
Valtarese Borgotaro                                   1 1       1 1      
 
BRESCIA  
Brescia Basket (Ideal Standard, Century, Pintinox, Cidneo, Simmenthal, Silverstone, Ocean, Telemarket) 14 9 4     5 2 2 2                 3 2   1   19 13   6  
Brescia Basket Leonessa (Centrale del Latte, Germani) 7 4 3     3 2 1     1             4 2   2   12 6   6  
 
BRINDISI  
Brindisi Pallacanestro (Bartolini) 4 4 2                                       4 4      
New Basket Brindisi (Enel, Happy Casa) 20 11 4     9 3                     4 2   2   24 13   11  
 
BRUGHERIO  
Candy Brugherio                                   3 1   2   3 1   2  
 
BUDRIO  
Budrio12                                   1 1       1 1      
 
CAGLIARI  
Cagliari Pallacanestro (Brill) 14 12 5     2                       5 4     1 19 16   2 1
Dinamo Academy Cagliari                                   1 1       1 1      
 
CANTÙ  
Cantù Pallacanestro (Milenka, Mobili, Oransoda, Fonte Levissima, Forst, Gabetti, Squibb, Ford, Jollycolombani, Arexons, Vismara, Clear, Polti; Canturina, Poliform, Oregon, Vertical Vision, Tisettanta, NGC, Bennet, Chebolletta, Lenovo, Acqua Vitasnella. Acqua San Bernardo) 157 88 29     69 17 7 5   2 Eu 2 2 1     47 18   27 2 214 113   99 2
Co 1     1  
 
CAPO D'ORLANDO  
Orlandina Capo d'Orlando (Upea, Betaland) 14 8 4     6 3                     2 2       15 9   6  
 
CARRARA  
Amatori Carrara                                   1 1       1 1      
 
CASALE MONFERRATO  
Junior Libertas Casale Monferrato (Alpan, Novipiù) 6 5 3     1 1                     2 1   1   8 6   2  
 
CASALPUSTERLENGO - PIACENZA  
Casalpusterlengo UC (Assigeco) - Piacenza UC (Assigeco) 2 2 1                             1 1       3 3      
 
CASERTA  
Juventus Caserta (Indesit, Mobilgirgi, Snaidero, Phonola, Onyx - Juvecaserta (Pepsi, Eldo, Otto, Pasta Reggia) 55 32 10     23 5 3 3     Eu 2 2 1     6 4   2   66 41   25  
 
CASTEL MAGGIORE  
Progresso Castel Maggiore (Bignami)                                   3     2 1 3     2 1
 
CENTO  
Benedetto XIV Cento (Baltur)                                   1 1     1 2 1     1
 
CHIETI  
Chieti Pallacanestro (Proger) 2 2 1                                       2 2      
GIL Chieti                                   1     1   1     1  
 
CIVITAVECCHIA  
Cestistica Civitavecchia                                   1 1       1 1      
 
COMO  
Como SP 2 1       1                       1     1   3 1   2  
GUF Como13                                   1     1   1     1  
 
CREMONA  
Cremonese US                                   2 2       2 2      
Guerino Vanoli Cremona (Braga) 21 9 5     12 6 3 2   1             8 4   3 1 32 15   16 1
GUF Cremona14                                   1 1       1 1      
 
DESIO  
Aurora Desio (Irge) 4 4 2                                       4 4      
 
FABRIANO  
Fabriano Basket (Honky, Alno, Turboair, Teamsystem, Carifabriano) 19 14 4     5   6 4   2             6 2   1 3 31 20   8 3
 
FAENZA  
GIL Faenza                                   1 1       1 1      
 
FERRARA  
Ferrara Basket Club (Sinteco, Carife, Naturhouse) 11 9 5     2 1                     6 4   1 1 17 13   3 1
Ferrara Pallacanestro (Mangiaebevi, Ipercoop)               4 4                 3 2     1 7 6     1
Ferrara Pallacanestro 2011 (Bondi) - Kleb Basket Ferrara (Bondi) 2         2 1                     7 7       9 7   2  
GUF Ferrara                                   1 1       1 1      
Montecatini Ferrara                                   1 1       1 1      
Semper Ferrara (Arredo Luce)                                   1 1       1 1      
 
FIDENZA  
Fulgor Fidenza                                   1 1       1 1      
 
FIRENZE  
Cus Firenze                                   1 1       1 1      
Fiorentina Pallacanestro 2 2 1                                       2 2      
Firenze Pallacanestro (Neutroroberts) - Pool Firenze Basket 6 5 2     1                       1       1 7 5   1 1
GUF Firenze 4 4 2                             2 2       6 6      
Olimpia Firenze (Pratolimpia, Elettroplaid)                                   3 3       3 3      
 
FIUME  
GUF Fiume                                   1 1       1 1      
 
FOGGIA  
GUF Foggia                                   1 1       1 1      
 
FOLIGNO  
Foligno AS 2 2 1                                       2 2      
 
FORLÌ  
Forlì 2.015 Pallacanestro (Unieuro) 2 2 1                                       2 2      
Libertas Forlì (Becchi, Jollycolombani, Recoaro, Latini, Filanto, Olitalia, Montana) 27 22 10     5 2 4 3 1               24 15 1 6 2 55 40 2 11 2
Libertas Fulgor Forlì (MarcoPolo Shop.it Forlì)                                   5 4     1 5 4     1
OCRA Forlì                                   1       1 1       1
 
GALLARATE  
Gallaratese Gallarate 8 7 3     1                                 8 7   1  
 
GENOVA  
Athletic Genova (Emerson) 2 2 1                             1 1       3 3      
CUS Genova 2 2 1                                       2 2      
Genoa FC 3 3 1                                       3 3      
Giordana Genova 8 7 4     1 1                               8 7   1  
GUF Genova 2 2 1                                       2 2      
 
GORIZIA  
Ginnastica Goriziana (Zoppas, Splügen Bräu, Pagnossin, Tai Ginseng, San Benedetto) - Nuova Pallacanestro Gorizia (SDAG) 26 21 9     5 1 3 3                 5 3   2   34 27   7  
 
GRADISCA D'ISONZO  
Itala Gradisca 12 10 4     2                                 12 10   2  
 
IMOLA  
Andrea Costa Imola (Casetti, Termal, Lineltex, Filattice, Aget) 14 11 5     3 1 4 4                 18 11   2 5 36 26   5 5
Virtus Imola                                   2     1 1 2     1 1
 
ITALIA  
Nazionale Italiana                                   1     1   1     1  
Nazionale Militare                                   3 1   2   3 1   2  
 
JESI  
Aurora Jesi (Sicc, Fileni, Termoforgia) 8 3 1     5 2                     5 4   1   13 7   6  
 
LA SPEZIA  
 DOM La Spezia 2 2 1                                       2 2      
 
LIVORNO  
GUF Livorno 6 6 3                                       6 6      
Libertas Lìvorno (Fargas, Peroni, Enichem) 40 28 10     12 1 2 2                 14 12   2   56 42   14  
Libertas Pallacanestro Livorno (Baker) 6 4 2     2 1                               6 4   2  
Livorno Basket (Mabo, Villaggio Solidago, TD Shop.it ) 8 7 3     1                       2 1     1 10 8   1 1
Livorno Pallacanestro (Pro Livorno, Cama, Portuale, Allibert) 16 13 5     3                       8 7   1   24 20   4  
 
LODI  
Fanfulla Lodi                                   1 1       1 1      
 
LOMBARDIA  
Rappresentativa Lombardia                                   1 1       1 1      
 
LUCCA  
Cestisti Universitari Lucca                                   1 1       1 1      
Lucca Pallacanestro                                   1       1 1       1
 
MANTOVA  
Mantovana Pallacanestro 2 1       1                       3 3       5 4   1  
 
MESSINA  
CUS Messina                                   1 1       1 1      
Messina Pallacanestro                                   1 1       1 1      
 
MESTRE  
Mestre Basket (Leacril, Fluobrene, Duco, Superga, Jesus, Lebole, Pepper) 8 7 3     1                       4 4       12 11   1  
 
MILANO  
Ambrosiana Milano (Teorematour) 2 2 1                                       2 2      
Borletti Milano - Olimpia Milano (Borletti, Simmenthal, Innocenti, Cinzano, Billy, Simac, Tracer, Philips, Recoaro, Stefanel, Sony, Adecco, Pippo, Armani Jeans, EA7 Emporio Armani, AX Armani Exchange) 188 80 25 1   107 37 9 5   4 Eu 3 1   2   46 19   25 2 246 105 1 138 2
Filotecnica Milano 6 4 2     2 1                               6 4   2  
GUF Milano 2 1       1                                 2 1   1  
Lombardo Milano CS sezione Triestina                                   1     1   1     1  
Milanese US 1 1                                         1 1      
Milano Pallacanestro (All'Onestà, Mobilquattro, Xerox, Isolabella 18) 36 24 9     12 3 1     1             11 5   6   48 29   19  
Pirelli Milano 8 5 2     3 1                               8 5   3  
Rappresentativa Milanese                                   1 1       1 1      
Vanzetti Milano                                   1     1   1     1  
 
MODENA  
Avia Pervia Modena                                   1 1       1 1      
Burghy Modena                                   4 1     3 4 1     3
CUS Modena                                   5 5       5 5      
Italcuoghi Modena                                   2 2       2 2      
Rappresentativa Modenese                                   1 1       1 1      
 
MONFALCONE  
CRDA Monfalcone 4 3 1     1                                 4 3   1  
 
MONTEBELLUNA  
Montebelluna (Nordica)                                   1 1       1 1      
 
MONTECATINI  
Montecatini Sporting Club (Panapesca, Bialetti, Snai, Zucchetti, Bingo Snai) 13 12 6     1   2 1   1             2 1     1 17 14   2 1
Montecatini Terme RB (Agricola Gloria) 5 2 1     3 1                     1       1 6 2   3 1
 
MONTEGRANARO  
Sutor Montegranaro (Premiata, Sigma, Fabi Shoes) 21 14 4     7 1 1     1             6 4   2   28 18   10  
 
NAPOLI  
GUF Napoli 6 5 2     1                                 6 5   1  
Napoli AP 16 16 8                                       16 16      
Napoli Basket (Febal, Mulat, Wuber, Paini, Filodoro) 17 11 2     6   2 1   1                       19 12   7  
Nuova AMG Sebastiani Basket Napoli (Martos)15 2 2 1                                       2 2      
Partenope Napoli (Ignis Sud, Fides, Fag) 22 12 5     10 4 1 1                 3 1   2   26 14   12  
Società Sportiva Basket Napoli (Pompea, Carpisa, Eldo) 8 2       6 2                     1     1   9 2   7  
Società Sportiva Napoli Basket 1         1                                 1     1  
 
NOVARA  
Aironi Basket Novara (Cimberio) 4 3 1     1                                 4 3   1  
GIL Novara                                   1 1       1 1      
 
OSIMO  
Robur Basket Osimo (Porte Garofoli) 4 4 2                                       4 4      
 
PADOVA  
GUF Padova 4 4 2                                       4 4      
Petrarca Padova (Boario, Gorena) 24 17 6     7 1 4 3   1             12 7   5   40 27   13  
 
PALERMO  
Palermo               1 1                           1 1      
 
PARMA  
CUS Parma                                   1 1       1 1      
 
PAVIA  
GIL Pavia                                   1 1       1 1      
GUF Pavia 14 11 4     3                       1 1       15 12   3  
Pavia Pallacanestro (Necchi, Fernet Branca, Edimes) 29 20 5     9                       5 4   1   34 24   10  
 
PERUGIA  
Perugia Basket (Italcable)                                   1     1   1     1  
 
PESARO  
Libertas Pesaro 2 2 1                                       2 2      
Victoria Libertas Pesaro (Benelli, Lanco, Algor, Butangas, Frizz Pelmo, Tropicali, Maxmobili, Scavolini, Scavolini Spar, Scavolini Siviglia, Scavolini Banca Marche, Consultinvest) 136 90 27     46 4 14 8   6 Eu 2     2 1 53 36   15 2 205 134   69 2
 
PIACENZA  
Piacentina Pallacanestro                                   1 1       1 1      
 
PISA  
GUF Pisa 2 2 1                                       2 2      
Libertas Pisa                                   1 1       1 1      
 
PISTOIA  
Libertas Pistoia                                   3 3       3 3      
Olimpia Pistoia (Kleenex, Madigan, Rolly, Mabo) 19 18 8     1   2 1   1             3 1   1 1 24 20   3 1
Pistoia Basket 2000 (Carmatic, Giorgio Tesi Group, The Flexx, Oriora) 12 8 4     4 2                     9 6   3   21 14   7  
 
PONTEDERA  
Juventus Pontedera                                   1 1       1 1      
   
PORRETTA TERME  
Porretta                                   1 1       1 1      
 
PORTO SAN GIORGIO  
Sangiorgese Porto San Giorgio                                   1 1       1 1      
 
POZZUOLI  
Fulgor Puteoli Pozzuoli                                   1 1       1 1      
   
RAGUSA  
Virtus Ragusa (Banca Popolare) 3 2 1     1                                 3 2   1  
 
RAVENNA  
Cestistica Ravenna                                   1 1       1 1      
GUF Ravenna                                   1 1       1 1      
Guido Novello Ravenna                                   2 2       2 2      
Ravenna Basket Piero Manetti (Acmar, Orasì) 5 3 1     2 1                     3 2     1 8 5   2 1
Robur Ravenna 2 2 1                             4 3   1   6 5   1  
 
RECANATI  
Recanati Unione Sportiva Basket (Ambalt) 2 2 1                                       2 2      
 
REGGIO CALABRIA  
Viola Reggio Calabria  (Opel, Panasonic, Pfizer) - Nuova Viola Reggio Calabria 33 25 9     8 1 3 2 1               3 2   1   39 29 1 9  
 
REGGIO EMILIA  
Giovane Italia Reggio Emilia                                   1 1       1 1      
La Torre Reggio Emilia (Smeg, Renana)                                   6 5   1   6 5   1  
Reggiana AP Reggio Emilia (Pibigas, Burrogiglio, Gaggia)                                   7 6   1   7 6   1  
Reggiana Pallacanestro Reggio Emilia (Cantine Riunite, Sidis, Campeginese, Metasystem, Cfm, Zucchetti, Bipop Carire, Trenkwalder, Grissin Bon, Unahotels)16 44 28 14     16 7 11 9   2             25 12   11 2 80 49   29 2
 
REVERE  
Revere Pallacanestro                                   2 2       2 2      
 
RICCIONE  
Rappresentativa Riccione                                   1     1   1     1  
 
RIETI  
Sebastiani Rieti (Brina, Althea, Arrigoni, Ferrarelle, Acqua Fabia, Binova) - Nuova AMG Sebastiani Rieti (Tris, Solsonica) 27 20 5     7                       3 2   1   30 22   8  
 
RIMINI  
Libertas Rimini                                   1 1       1 1      
Rimini Basket (Sarila, Sacramora, Marr, Hamby, Biklim, Teamsystem, Koncret, Pepsi, Vip, Conad) - Rimini Basket Crabs 21 17 7     4 1 4 3   1             13 6   3 4 38 26   8 4
 
RIVA DEL GARDA  
Riva del Garda                                   1 1       1 1      
 
ROMA  
Bruno Mussolini Roma 4 1   1   2                       2 1   1   6 2 1 3  
Caserma Romagnoli Roma                                    1       1 1       1
Ex Alunni Massimo Roma 2 2 1                             1 1       3 3      
Ginnastica Roma - AS Roma 33 22 7     11 2                               33 22   11  
GUF Roma 2 2 1                             1 1       3 3      
Lazio Roma (Migas, GBC, Eldorado) 20 18 8     2                       3 3       23 21   2  
Libertas Roma 1 1                                         1 1      
Parioli Roma 6 5 2     1                                 6 5   1  
Stella Azzurra Roma (Ramazzotti, Scatto IBP, IBP, Perugina, Acqua Fabia) 44 39 17     5   2 2                 7 7       53 48   5  
Virtus Roma (Bancoroma, Phonola, Il Messaggero, Burghy, Teorematour, Nuova Tirrena, Telemarket, Calze Pompea, Adr, Wurth, Lottomatica, Acea) 85 56 19     29 7 9 7   2 Ca 2     2 1 6 3   2 1 102 66   35 1
   
ROSETO  
Fides Roseto                                   1 1       1 1      
Roseto Basket (Cartegiunco, BT, Cordivari, EuroRoseto) - Roseto Sharks (VisitRoseto.it) 17 14 6     3 1   1     1           3 2     1 20 16   3 1
 
SASSARI  
Dinamo Sassari (Banco di Sardegna) 26 12 5     14 5   1 1               5 3   2   32 16   16  
 
SCAFATI  
Scafati Basket (Eurorida, Legea, Givova) 13 10 3     3   1     1             1 1       15 11   4  
 
SICILIA  
Rappresentativa Giovanile Siciliana                                   1 1       1 1      
 
SIENA  
GUF Siena                                   1 1       1 1      
Mens Sana Siena (Algor, Sapori, Antonini, Ticino, Comerson, CX Orologi, Fontanafredda, Ducato, Montepaschi) 66 35 14     31 12 8 4   4 Eu 2     2 1 32 16   14 2 108 55   51 2
 
TERAMO  
Rappresentativa Teramo                                   1 1       1 1      
Teramo Basket (Navigo.it, Siviglia Wear, Bancatercas) 14 9 3     5 1 1 1                 3 3       18 13   5  
 
TORINO  
Auxilium Torino (Saclà, Chinamartini, Grimaldi, Berloni, San Benedetto, Ipifim, Robe di Kappa, Manital, Fiat) 45 33 12     12 2 2 1   1             8 4   4   55 38   17  
Ginnastica Torino 9 9 4                                       9 9      
GUF Torino 2 2 1                             1 1       3 3      
PMS Torino (ZeroUno)                                   1 1       1 1      
RIV Torino                                   2 2       2 2      
 
TORTONA  
Derthona Basket Tortona (Orsi, Bertram)               1 1                 1 1       2 2      
 
TRAPANI  
Trapani Pallacanestro (Banca Nuova, Lighthouse Conad) 4 3 1     1   2 2                 2 2       8 7   1  
 
TRENTO  
Aquila Trento (Dolomiti Energia - Energia Dolomiti Trentino) 12 6 3     6 2         Ecp 2 2 1     5 3   2   19 11   8  
Rangoni Trento                                   1 1       1 1      
 
TREVISO  
Treviso Pallacanestro (Liberti, Benetton) 78 45 16     33 12 13 5   8 Eu 3     3 1 12 1   9 2 106 52   52 2
Universo Treviso (De' Longhi) 8 7 2     1                       2 1   1   10 8   2  
 
TRIESTE  
ACEGA Trieste 3 2       1                                 3 2   1  
Ginnastica Triestina (Arrigoni, Stock, Lloyd Adriatico) 40 25 9 1 1 14 4                     6 5   1   46 30 1 15  
GUF Trieste 2 2 1                                       2 2      
Ilva Trieste 2 2 1                                       2 2      
Lega Nazionale Trieste 4 3 1 1 1                                   4 3 1    
Polizia Civile Trieste 2 2 1                             1     1   3 2   1  
San Giusto Trieste 3 3 1                             1     1   4 3   1  
Trieste Pallacanestro (Hurlingham, Bic, Stefanel, Illy Caffè, Genertel, Telit, Coop Nordest) - Trieste Pallacanestro 2004 (Alma, Allianz) 47 38 16     9 1 4 4                 8 6   2   59 48   11  
 
UDINE  
Amici Pallacanestro Udinese (GSA) 2 2 1                             2 2       4 4      
Pallalcesto Amatori Udine (Snaidero) 14 10 4     4 1                     2     2   16 10   6  
Udinese AP (Snaidero, Australian, Fantoni) 24 19 9     5 2 3 2   1             9 4   4 1 36 25   10 1
 
VARESE  
Robur et Fides Varese (Prealpi, Algor, Gamma) 6 5 2     1                       1 1       7 6   1  
Varese Pallacanestro (Storm, Ignis, Mobilgirgi, Emerson, Turisanda, Cagiva, Star, Ciaocrem, Divarese, Ranger, Roosters, Metis, Whirlpool, Cimberio, Openjobmetis) 163 79 23 1 1 83 27 6 5   1             35 21 1 13   204 105 2 97  
 
VENEZIA  
Junghans Venezia 4 4 2                                       4 4      
Laetitia Venezia                                   1 1       1 1      
Reyer Venezia (Noalex, Splügen Bräu, Splügen Bock,Canon Prora, Carrera, Giomo, Hitachi, Scaini, Acqua Lora) 105 61 20     44 12 4 2   2             24 14   10   133 77   56  
 
VENEZIA GIULIA  
Rappresentativa Venezia Giulia                                   1 1       1 1      
 
VERONA  
Scaligera Basket Verona (Glaxo, Birex, Mash, Muller, Tezenis) 26 20 9     6 2 11 8   3             6 3   2 1 43 31   11 1
 
VIAREGGIO  
ASSI Viareggio 2 1       1                                 2 1   1  
Sporting Viareggio (Vela) 2 2 1                             3 1   2   5 3   2  
 
VICENZA  
Dopolavoro Aziendali Roi Vicenza17                                   1 1       1 1      
Umberto I Vicenza18                                   1     1   1     1  
Vicenza                                   1 1       1 1      
 
VIGEVANO  
Vigevano Pallacanestro (Ursus, Ramazzotti, Pegabo, Ivlas, Mecap) 4 3 1     1                       6 5   1   10 8   2  
                                                       
VIRTUS BOLOGNA                                                      
Vecchie Glorie Virtus Bologna                                   1 1       1 1      
Virtus Bologna squadra B                                   13 7   2 4 13 7   2 4
Virtus Bologna squadra C                                   1 1       1 1      
 
TOTALI 2488 1627 618 7 5 854 241 183 126 2 55   27 14 5 13 5 946 563 3 304 76 3644 2330 12 1226 76

 

Sono state conteggiate le gare disputate dalle varie formazioni Virtus quando giocavano nello stesso torneo della squadra A o la sostituivano. In particolare:

1 In tornei e amichevoli sono state conteggiate le gare contro le varie formazioni Bologna Sportiva disputate dalle varie formazioni della Virtus.

2 In tornei e amichevoli sono state conteggiate le gare contro il Dopolavoro Ferroviario disputate dalle varie formazioni della Virtus.

3 In tornei e amichevoli sono state conteggiate le gare contro le varie formazioni della Fortitudo disputate dalle varie formazioni della Virtus.

4 In tornei e amichevoli sono state conteggiate le gare contro le varie formazioni Galvani, S.S. Galvani e Ass. Pallacanestro Galvani disputate dalle varie formazioni della Virtus. Nelle gare perse è conteggiata anche quella del 9 aprile 1933 tra Virtus B e Ass. Pallacanestro Galvani A data persa a entrambe le squadre per avere schierato un giocatore privo di cartellino.

5 In tornei e amichevoli sono state conteggiate le gare contro il Giordani disputate dalle varie formazioni della Virtus.

6 In tornei e amichevoli sono state conteggiate le gare contro il Gruppo Rionale Corridoni disputate dalle varie formazioni della Virtus.

7 In tornei e amichevoli sono state conteggiate le gare contro le varie formazioni GUF Bologna disputate dalle varie formazioni della Virtus.

8 In tornei e amichevoli sono state conteggiate le gare contro le varie formazioni GUF Galvani disputate dalle varie formazioni della Virtus.

9 In tornei e amichevoli è stata conteggiata la gara contro il Mussolini Sandro FGC disputata dalla Virtus B.

10 In tornei e amichevoli sono state conteggiate le gare contro le varie formazioni Pro Juventute disputate dalle varie formazioni della Virtus.

1! In tornei e amichevoli sono state conteggiate le gare contro le varie formazioni Salus disputate dalle varie formazioni della Virtus.

12 In tornei e amichevoli è stata conteggiata la gara contro il Budrio disputata dalla Virtus B.

13 In tornei e amichevoli è stata conteggiata la gara contro il GUF Como disputata dalla Virtus B.

14 In tornei e amichevoli è stata conteggiata la gara contro il GUF Cremona disputata dalla Virtus B.

15 Sono state conteggiate le due gare di campionato disputate, ma poi annullate per l'esclusione della squadra napoletana dal campionato.

16 In tornei e amichevoli è stata conteggiata come vinta la gara del 2 settembre 1988 a Belluno sospesa, per clima infuocato tra i giocatori, con la Virtus in vantaggio.

17 In tornei e amichevoli è stata conteggiata la gara contro il Dopolavoro Aziendale Roi Vicenza disputata dalla Virtus B.

18 In tornei e amichevoli è stata conteggiata la gara contro l'Umberto I Vicenza disputata dalla Virtus B.

 

Bilanci con società straniere

 

società coppe europee - open amichevoli totali
m g v vt p pt s sc g v p s nd g v p s nd
ALBANIA  
Partizani Tirana Ca 2 2 1                   2 2      
   
ANDORRA    
Andorra (MoraBanc) Ecp 4 3 1     1             4 3   1  
 
ARGENTINA  
Gymnasia y Esgrima Buenos Aires                 1     1   1     1  
San Lorenzo de Almagro Ic 1 1                     1 1      
 
AUSTRALIA  
Nazionale Australia                 1 1       1 1      
 
AUSTRIA  
Engelmann EK Vienna                 1 1       1 1      
Wels ABC (Maximarkt) K 2 2 1                   2 2      
Wien UBSC Vienna (Babemberg Shopping) Co 2 2 1         1 1       3 3      
 
BOSNIA  
Bosna Sarajevo Ca 4 3 1     1   3 3       7 6   1  
Dinarska Sarajevo                 1 1       1 1      
 
BELGIO  
Antwerpse - Antwerp Giants Anversa (Telenet) Ecp 2 2 1         1 1       3 3      
Diables Noirs Bruxelles                 1     1   1     1  
Entente Brabançonne                 1 1       1 1      
Ostenda Basket (Base, Filou) Ec 2 2 1                   6 5   1  
Co 2 2 1        
Cl 2 1       1            
Racing Club Bruxelles                 2 1   1   2 1   1  
Racing Malines (Bell)                 1 1       1 1      
Rappresentativa Belga                 1 1       1 1      
Rappresentativa Bruxelles                 1 1       1 1      
Royal IV Bruxelles                 3 1 1 1   3 1 1 1  
Semailles Bruxelles                 1 1       1 1      
Spirou Baskey Club Charleroi (W. Wallone) Eu 2 2 1         1     1   3 2   1  
Sporting Liegi AC                 1 1       1 1      
Standard Liegi                 3 1   2   3 1   2  
Wolves Verviers-Pepinster Ul 2         2 1           2     2  
 
BRASILE  
Amazonas Franca Op 1 1           1     1   2 1   1  
 
BULGARIA  
Akademic Varna K 2 2 1                   2 2      
Botev Sofia                 1 1       1 1      
CSKA Sofia Ca 2 2 1                   2 2      
Levski Sofia                 1 1       1 1      
Rappresentativa Universitaria Bulgara                 1 1       1 1      
Spartak Sofia                 1 1       1 1      
 
CANADA  
Nazionale Canada                 1 1       1 1      
 
CINA  
Shanghai Sharks                 1 1       1 1      
 
CIPRO  
Aek Larnaca Eu 2 2 1                   2 2      
Ael Limassol Fi-Ec 3 2       1             3 2   1  
 
CROAZIA  
Jugoplastika Spalato - KK Spalato (Slobodna Dalmacija) - Croatia Spalato Eu 4 3 1     1   5 4   1   13 9   4  
Co 2 1       1  
K 2 1 1     1 1
Karlovac                 1     1   1     1  
Kvarner Rijeka (Fiume)                 1     1   1     1  
Lokomotiv Cibona Zagabria Sc 1         1   15 9   6   32 17   15  
Ca-Eu 14 7 2     7 2
Co 2 1       1  
Zadar Zara Eu 2 2 1         4 2   2   6 4   2  
 
ESTONIA  
Kalev Tallin Eu 4 4 2         2 2       8 8      
Fi 2 2 1        
Tartu University (Rock) Ec 2 2 1                   2 2      
 
FINLANDIA  
Honka Espoo                 1     1   1     1  
 
FRANCIA  
Asvel Lyon Villeurbanne (Adecco) Fi 2 2 1         4 3   1   8 6   2  
Eu 2 1 1     1 1
Auboué CSM                 3 2 1     3 2 1    
Bellegarde EV                 1 1       1 1      
Caen Co 2 1       1             2 1   1  
Cholet Co 2 1       1             3 2   1  
Ec 1 1          
Étoile Mézèresi                 1 1       1 1      
JDA Dijon Basket Fi 2 2 1                   2 2      
Jeunesse Laique Bourg en Bresse Ecp 2 2 1                   2 2      
Le Mans SC (Moderne) Co 2 1       1             4 2 1 1  
Cl 2 1   1 1                
Lilla                 1 1       1 1      
Limoges SP Eu 4 3 1     1             5 4   1  
Op 1 1          
Montbrison                 2 2       2 2      
Mulhouse FC                 1 1       1 1      
Nanterre 92 Cl 2 1       1             2 1   1  
Nice CTBB                 1 1       1 1      
Nilvange                 1 1       1 1      
Olympique Antibes Eu 2 2 1         1 1       3 3      
Olympique Marsiglia                 1 1       1 1      
Orthez - Pau Orthez Eu 11 6 3     5 2 1     1   12 6   6  
PUC Parigi (Paris Universitaire Club)                 1 1       1 1      
Racing Club Parigi Eu 2 2 1         1 1       3 3      
Rapid Mentone                 1 1       1 1      
Rappresentativa Alsazia e Lorena                 2 2       2 2      
Sainte Marie la Guillotière Lione                 1     1   1     1  
Selezione Alsaziana                 1 1       1 1      
Selezione di Parigi                 2 1   1   2 1   1  
Selezione Francese della Province                 1     1   1     1  
Strasburgo Sig Cl 2 1       1             2 1   1  
 
GERMANIA  
Alba Berlino Eu 4 2 1     2 1 1 1       5 3   2  
Bayer TUS 04 Leverkusen Eu 4 1       3 1 2 2       8 5   3  
K 2 2 1        
Bayern Monaco             1     1       1     1  
Bonn (Telekom) Sa 2 2 1                   6 6      
Ul 2 2 1        
Ec 2 2 1        
Brose Bamberg Cl 1 1                     1 1      
Ewe Baskets Oldenburg Ec 2         2 1           2     2  
Jahn Monaco di Baviera                 1 1       1 1      
Medi Bayreuth Cl 2 2 1                   2 2      
MHP Riesen Ludwigsburg                 1     1   1     1  
Skyliners Francoforte (Opel) Eu 2 1       1   1     1   5 2   3  
Sa 2 1       1  
Ulm (Ratiopharm) Ecp 2 2 1                   2 2      
Viktoria Augsburg                 1 1       1 1      
 
GRECIA  
AEK Atene Eu 3 2       1   2 1     1 6 3   2 1
Sa 1         1  
Aris Salonicco                 1 1       1 1      
Iraklion Creta                 1 1       1 1      
Olympiakos Pireo Ca-Eu 13 3       10 3 3     2 1 18 4   13 1
Co 2 1         1
Panathinaikos Atene1 Ca-Eu 10 3 1     7 3 2     2   12 3   9  
Panellinios Atene                 3 1   2   3 1   2  
Paok Salonicco Eu 4 1       3 1 4 2   1 1 10 4   5 1
Co 2 1       1  
Peristeri Atene Eu 2 2 1                   2 2      
Promitheas Patrasso Cl 2 2 1                   4 3   1  
Ecp 2 1       1            
 
INGHILTERRA  
Crystal Palace Londra Co 2 2 1                   2 2      
Dolobram Londra                 1 1       1 1      
London Towers Eu 2 2 1                   2 2      
Thames Tigers Eu 2 2 1                   2 2      
 
ISRAELE  
Elitzur Natanya K 2 2 1                   2 2      
Hapoel Gerusalemme Eu 2 2 1                   4 2   2  
Ul 2         2 1
Hapoel Ramat Gan Co 2 1       1             2 1   1  
Hapoel Tel Aviv                 1 1       1 1      
Maccabi Ramat Gan Co 4 2       2             4 2   2  
Maccabi Rishon LeZion Ecp 2 2 1                   2 2      
Maccabi Tel Aviv Ca-Eu 19 12 4     7 1           20 13   7  
Op 1 1          
 
JUGOSLAVIA  
Nazionale Jugoslavia                 2   1 1   2   1 1  
Rappresentativa Jugoslava                 1     1   1     1  
 
KAZAKISTAN  
Astana BC                 1 1       1 1      
 
LETTONIA  
Ventspils Sa 2 2 1                   2 2      
 
LITUANIA  
Lietkabelis Panevezys Ecp 2 2 1                   2 2      
Lietuvos Rytas Vilnius Sa 2 1       1             2 1   1  
Neptunas Klaipeda Cl 2 1       1             2 1   1  
Zalgiris Kaunas Eu 5 2       3   3 2   1   10 6   4  
Co 2 2 1        
 
LUSSEMBURGO  
Sparta Bertrange Ca 2 2 1                   2 2      
 
MAROCCO  
Marocaine US Casablanca                 1 1       1 1      
State Marocaine Ramat                 1 1       1 1      
 
MONTENEGRO  
Buducnost Podgorica (Voli) Ecp 2 2 1                   2 2      
 
OLANDA  
Amsterdam Astronauts Fi 2 2 1                   1 1      
Ded Amsterdam                 1 1       1 1      
Den Bosch Hertogenbosch (Nashua) Ca 4 1       3 1           6 2   4  
Co 2 1       1  
 
POLONIA  
AZS Varsavia                 6 5   1   6 5   1  
CWKS Resovia                 1     1   1     1  
Polonia Varsavia                 1 1       1 1      
Prokom Sopot Eu 2         2 1           2     2  
Rappresentativa Universitaria Polacca                 1 1       1 1      
Slask Wroclaw (Idea) Eu 2 1       1             4 3   1  
Sa 2 2 1        
Wisla Cracovia                 1 1       1 1      
 
PORTOGALLO  
Benfica Lisbona Eu 4 3 1     1             4 3   1  
Ovarense Co 2 2 1                   2 2      
 
PRINCIPATO DI MONACO  
  Ecp 4 4 2         2 2       8 8      
Monaco K 2 2 1        
 
REPUBBLICA CECA  
IRO                 1 1       1 1      
Ostrava BK K 2 2 1                   2 2      
Slavia Praga                 3 1   2   3 1   2  
Sokol Brno                 1     1   1     1  
Sparta Praga                 4 4       4 4      
Spartak Sokolovo Praga                 2 1   1   2 1   1  
Spartak-Zbrojovka Brno                 6 3   3   6 3   3  
 
ROMANIA  
CCA Bucarest Ca 2 1       1             2 1   1  
CSU Balanta Sibiu Co 2 2 1                   2 2      
Dinamo Bucarest Ca 2 1       1             2 1   1  
Steaua Bucarest Co 2 1       1             2 1   1  
 
RUSSIA  
CSKA Mosca Ca-Eu 10 4 2     6 3 9 3   6   19 7   12  
Dinamo Mosca Eu 2 2 1                   4 3   1  
Co 2 1       1  
Lokomotiv Kuban Krasnodar Ecp 2 2 1         1 1       3 3      
Samara BC - Samara CSK VVS Eu 2 2 1                   4 3   1  
Ec 2 1       1  
Spartak Leningrado (San Pietroburgo) Eu 2 2 1         3 1   2   7 4   3  
Co 2 1       1  
Unics Kazan Ecp 3 1       2 1           3 1   2  
Ural Great Eu 2 1       1             2 1   1  
 
SERBIA  
BSK Belgrado (Beogradski SK) - OKK Beograd Belgrado                 7 2   5   7 2   5  
Partizan Belgrado Ca-Eu 12 9 3     3 1 7 3   3 1 23 13   9 1
K 2 1       1  
Ecp 2         2 1
Proleter Zrenjanin                 1 1       1 1      
Radnicki Belgrado Co 2 1       1             2 1   1  
Stella Rossa Belgrado (Crvena Zvezda Belgrado)                 6 3   3   6 3   3  
Zeleznik Belgrado BC Ul 2         2 1           2     2  
 
SLOVACCHIA  
Inter Slovnaft Bratislava Ca 2 2 1                   2 2      
 
SLOVENIA  
Elektra KK Sostanj                 1 1       1 1      
Olimpija Lubiana (Petrol) - Eu 8 6 2     2   9 6 1 2   19 14 1 4  
Cl 2 2 1                    
Cedevita Olimpija Lubiana Ecp 2 2 1                   2 2      
Slovan KD Lubiana                 1 1       1 1      
 
SPAGNA  
Agrupacion Hispana                 1 1       1 1      
Aismalibar Barcellona                 2 2       2 2      
Barcelona FC Eu 12 7 2     5 1 6 2   4   22 11   11  
Co 4 2       2  
Carol Sabadell                 1     1   1     1  
CB 1939 Canarias Iberostar Tenerife Cl 1 1                     2 1   1  
Ic 1         1            
Club Basquet Girona (Akasvayu) Fi 2         2 1           2     2  
Español RD Barcellona                 2 2       2 2      
Estudiantes Madrid Eu 4 4 2                   5 5      
Fi 1 1          
Granollers CB                 1 1       1 1      
Juventud Badalona Eu 6 4 1     2   5 4   1   15 11   4  
Ul 2 1 1     1 1
Ecp 2 2 1            
Matarò                 1 1       1 1      
Pamesa Valencia Sa 2 1       1   1     1   3 1   2  
Rappresentativa Barcellona                 1     1   1     1  
Rappresentativa Madrilena                 1 1       1 1      
Real Madrid CdF Ca- Eu 14 5 3     9 5 3 1   2   23 8   15  
Co 3 1       2 1
K 2         2 1
Op 1 1          
Selezione Catalana                 1     1   1     1  
Siviglia CDB Eu 2 1       1             2 1   1  
Taugres Vitoria (Tau Ceramica) Eu 11 5 2     6 3 1 1       12 6   6  
 
SVEZIA  
Norrköping Sa 2 2 1                   2 2      
Södertälje Co 2 2 1                   2 2      
 
SVIZZERA  
Cassarate                 2 2       2 2      
Federale Lugano                 2 2       2 2      
Génève CA Ginevra                 3 3       3 3      
Lausanne Basket                 1 1       1 1      
Lugano2                 1     1   1     1  
Selezione Svizzera                 2 2       2 2      
Servette Ginevra                 1 1       1 1      
Stade Français Ginevra                 1 1       1 1      
Urania Sport Ginevra Ca 2 2 1         6 4   2   8 6   2  
 
TUNISIA  
Hammamet                 1 1       1 1      
Herzellia Sport Tunisi                 1 1       1 1      
Selezione Tunisina                 1 1       1 1      
Stade Français Tunisi                 1 1       1 1      
 
TURCHIA  
Ankara (Turk Telecom) Fi 2 2 1         3 2   1   5 4   1  
Banvit Bandirma                 1     1   1     1  
Besiktas Istanbul (Sompo Japan) Cl 1 1 1     1 1           1 1      
Bursaspor Basketbol (Frutti Extra) Ecp 1 1 1                   1 1      
Cukurova Sanayi Mersin Co 2 1       1             2 1   1  
Darussafaka Istanbul (Tekfen)6 Ecp 2 2 1                   2 2      
Eczacibasi Istanbul Ca 2 2 1                   2 2      
Efes Pilsen Istanbul Eu 8 4 1     4 1 1     1   9 4   5  
Fenerbahce Istanbul (Ulker) Sa 2 2 1         6 4     2 8 6     2
Galatasaray (Cafè Crown, Medical Park) Ec 2 2 1         1     1   3 2   1  
Sakarya Buyuksehir                 1     1   1     1  
Ulker Istanbul Eu 8 6 3     2 1 1 1       9 7   2  
 
UCRAINA  
Azovmash Mariupol Fi 1         1             1     1  
Budivelnik Kiev3 Eu 2 2 1                   2 2      
Kiev Bc Ec 2 2 1                   2 2      
 
UNGHERIA  
Honved Budapest4 Ca 2 2 1         1     1   3 2   1  
Matav Pecs Sa 2 2 1                   2 2      
 
URSS  
Nazionale URSS A5                 1     1   1     1  
Nazionale URSS B                 1     1   1     1  
 
USA  
Brown University                 1 1       1 1      
Buffalo University                 1       1 1       1
Charlotte Hornets                 1     1   1     1  
Garden State All Stars                 2 2       2 2      
Gillette Lewis New York                 4 1   3   4 1   3  
Gulf Oil Pittsburgh                 3     3   3     3  
Houston Rockets Op 1         1             1     1  
ICAM All Stars                 1 1       1 1      
Mormons                 2 2       2 2      
New Jersey Nets                 1     1   1     1  
NIT All Stars                 1     1   1     1  
Novasser Flyers                 1 1       1 1      
Phoenix Suns Op 1         1             1     1  
Rappresentative Militari                 4 3   1   4 3   1  
Red Knights                 6 6       6 6      
Riccadonna                 2     2   2     2  
St. Bonaventure University                 1 1       1 1      
Stanford University                 1 1       1 1      
Truckers Denver                 1     1   1     1  
Washington State University                 1 1       1 1      
Wildcats Trust Troopers                 1 1       1 1      
 
TOTALI   457 296 108 1 1 160 44 302 187 4 104 7 759 483 5 264 7

 

1 La finale di Eurolega del 2002 disputata a Bologna è stata conteggiata nelle sconfitte casalinghe.

2 La partita col Lugano venne giocata dalla Virtus seconda squadra.

3 La gara in trasferta fu giocata a Modena.

4 Il bilancio con Honved non tiene conto dell'amichevole giocata e perduta nel 1968 da una selezione Virtus Candy - Fortitudo Eldorado.

5 Il bilancio con la nazionale URSS A non tiene conto dell'amichevole giocata e perduta nel 1966 da una selezione Virtus Candy - Alcisa.

6 La gara in trasferta fu giocata a Belgrado.

Totali

 

società campionato coppe amichevoli totali
g v p s g v p s g v p s nd g v p s nd
squadre italiane 2488 1627 7 854 210 140 2 68 946 563 3 304 76 3644 2330 12 1226 76
squadre straniere         457 296 1 160 302 187 4 104 7 759 483 5 264 7
totali complessivi 2488 1627 7 854 667 436 3 228 1248 750 7 408 83 4403 2813 17 1490 83

 

IN HOC SIGNO VIRTUS

Dall'archivio storico, il ricordo di tre grandi successi dei bianconeri. Tante le imprese delle V nere contro i brianzoli. Ne abbiamo estrapolate tre: ricordate Generali, Binelli e Ginobili? I bianconeri compiono il miracolo con una squadra italianissima. Ginobili nel 2002 mise a referto 27 punti nonostante un problema alla spalla

di Ezio Liporesi - Corriere dello Sport - Stadio - 01/12/2019

 

Nella storia della Virtus sono state tante le imprese, in altre parole quelle vittorie ottenute quando la squadra era nettamente sfavorita, poiché largamente incompleta: ad esempio avvenne l'ultimo giorno dell'anno del 1994 contro la Benetton. Binelli a mezzo servizio perché, partito in nazionale con un certificato che ne sconsigliava l'utilizzo, tornò malconcio; Moretti a pezzi a causa della pubalgia giocò solo 17', con 0 su 5 dal campo, 2 rimbalzi, una stoppata subita e una palla persa; Coldebella e Danilovic assenti. Le V nere riuscirono comunque a vincere, con 33 punti di Abbio (8 su 13 dal campo, 16 su 16 dalla lunetta), 92-85 dopo un supplementare, lasciando ancora la Benetton senza vittorie a Bologna. La squadra, però, contro la quale la più antica squadra cestistica cittadina, ha ottenuto il maggior numero di questi ribaltamenti di pronostico è sicuramente Cantù.

Nel 1980/81 la Virtus ha perso McMillian per infortunio a Brindisi, negli ottavi di finale playoff. Senza il suo americano, dopo aver perso la finale di Coppa dei Campioni a Strasburgo per un solo punto, con tante recriminazioni per la condotta arbitrale, i bianconeri hanno avuto una splendida reazione, eliminando Pesaro e Varese con combattutissimi ma perentori 2-0. In finale c'è Cantù: gara uno è una mattanza, 97-69 al Pianella. Nell’ultimo allenamento prima di gara due s’infortuna anche Marquinho, rottura del quinto metacarpo della mano destra; la Virtus è quindi costretta a giocare a Bologna senza stranieri apparentemente senza speranza, con otto giocatori provenienti dal vivaio, tutti tranne Villalta e Caglieris. I brianzoli arrivano con le bottiglie per brindare, ma una splendida Virtus tutta italiana compie l’impresa di costringere i canturini alla bella. La Squibb va subito a più quattro e pensa di avere vita facile, ma poi il primo tempo è un crescendo bianconero, 10-8, 15-12 e 50-39 alla pausa. Reazione lombarda nel secondo tempo, 54-49, con però i playmaker Marzorati e Cattini già a quota quattro falli, poi ancora 57-55, ma due canestri di Cantamessi allontanano nuovamente Cantù che dopo poco è sotto 65-57, poi la Virtus regge, nonostante l’uscita di Villalta e Bonamico che costringe Ranuzzi a chiudere con il quintetto Caglieris, Cantamessi, Martini, Generali e Porto e sono proprio questi ultimi sull’81-77, rispettivamente con due tiri liberi e un canestro a fissare il risultato sull’85-79. I 19 punti di Generali, i 18 di Bonamico, i 16 di Villalta e Cantamessi, gli 8 di Caglieris, i 6 di Martini e i 2 di Porto firmano la giornata memorabile. Era il 22 aprile 1981. Poi in gara tre Bologna dovette arrendersi.

Passano poco meno di dieci anni e, il 9 dicembre 1990, la Clear Cantù si presenta a Bologna. Nella giornata precedente è successo il finimondo: nella gara di Varese, nettamente persa dalla Virtus, a due minuti dalla fine Richardson ha sferrato un gancio a Rusconi, scatenando una rissa con 19 espulsi, per la Virtus sono 7 i giocatori (Richardson, Johnson, Binelli, Portesani, Romboli, Gallinari e Cavallari) e 4 responsabili della panchina (Pasquali, Valli, Canna e Orsoni), chi coinvolto direttamente nello scontro, chi entrato in campo per sedarlo. Cinque le giornate di squalifica per Sugar, due per Johnson. Durante la sosta per l'All Star Game, al quale Clemon deve rinunciare per infortunio, mentre Sugar, nell'occhio del ciclone, non brilla come nelle edizioni precedenti, Cazzola acquista il pacchetto di maggioranza, 70%, coadiuvato da Francia con il 25%, escono di scena il Presidente Gualandi e il gruppo facente capo a Porelli. Alla ripresa del campionato, appunto, questa sfida improba per Bologna, anche perché capitan Brunamonti è assente da qualche tempo per un virus, che l'ha anche costretto al ricovero in ospedale. Con un meraviglioso Binelli, 25 punti, 12 su 17 al tiro, 17 rimbalzi e 5 recuperi, supportato dai 23 punti di Bon, dai 12 di Coldebella, dai 10 di Cavallari e dal contributo di Portesani, Romboli, Setti e Gallinari, la Virtus ottiene una meritata vittoria, conducendo quasi sempre, 41-37 all’intervallo, 62-56 al 30’ e quando al 35’ i brianzoli sorpassano sul 65-64, sono Binelli e Bon a riportare Bologna sul 76-72 e anche se Cantù pareggia a quota 76, poi Bon segna l’1 più 1 e Binelli fissa con una schiacciata l’80-76 suggellando la sua splendida partita.

Poco più di 11 anni dopo, il 13 gennaio 2002, per la prima di ritorno, stavolta in trasferta, la Virtus, priva di Rigaudeau, Bonora, Griffith e Becirovic, infortunati, Abbio rimasto in albergo a causa di un attacco influenzale con Barlera al rientro (due minuti in campo), Smodis, con la mano sinistra fasciata, costretto a giocare comunque 12 minuti, e Ginobili menomato da una contusione alla spalla, affronta l'Oregon Cantù. Tutto il peso della gara è su Ginobili (27 punti in 39'), Andersen (16 in 39'), Jaric (19 in 38'), Frosini (16 in 37') e Brkic (6 in 32', 2 su 2 da due e ai liberi, solo un errore da tre). A referto vanno solo in nove, dalla panchina si alzano in pratica solo Smodis e Barlera, con Graziano un solo minuto in campo nel finale e Carera non entrato. La Kinder parte con 5 su 6 al tiro, molto concentrata e racchiusa nella sua zona 2-3; i bolognesi controllano fino all'8', 15-21, poi al momento dei primi cambi, avendo poche risorse, i padroni di casa rimontano e sorpassano nel finale del quarto, grazie anche ad un antisportivo a Brkic e un tecnico a Messina: 26-23 al 10'. A inizio secondo periodo i lombardi allungano, 30-23 (parziale di 15-2), ma coraggiosamente Bologna regge e all'intervallo è sotto solo 40-37, tirando molto meglio dei locali, 59% al tiro, contro il 36% canturino, anche se le V nere pagano dazio a rimbalzo, 19-13. A inizio terzo quarto Cantù torna a +7, ma un imperioso 0-10 rovescia l'inerzia, 46-49. Al 30' i petroniani sono volati via, 52-65. Quando a 6' dalla sirena Jaric e Hines prendono un doppio tecnico, il risultato è cambiato di poco, 52-67, la squadra di casa prova ad avvicinarsi, ma arriva solo a meno 8, poi la Virtus trionfa 68-84. Ginobili, 11 falli subiti e 14 su 21 ai liberi più 6 recuperi, Andersen da centro 9 rimbalzi, sono 7 invece per Frosini; Jaric 7 su 12 e 4 su 4 in lunetta, ma fare graduatorie è inopportuno in una giornata in cui le V nere hanno vinto di squadra.

Tre grandi vittorie, in condizioni veramente d'inferiorità, non contro compagini di secondo piano, ma di fronte a una squadra storica del basket italiano e in periodi in cui viaggiava nelle posizioni di vertice o d'immediato rincalzo: la Squibb del 1981 vinse il titolo; la Clear del 1990/91 terminò la prima fase sesta, con due vittorie in meno della Virtus terza e costrinse i bolognesi alla bella dei quarti; nel 2002 l'Oregon terminò la regular season al quarto posto, tallonando con solo due punti di ritardo le V nere terze e nelle stesse posizioni le due squadre conclusero il campionato.

 


 

ROMA NON FAR LA STUPIDA...

Oggi pomeriggio torna una sfida storica. Nella storia le Vu nere hanno incontrato parecchie squadre capitoline e si trovarono come avversario pure Vittorio Gassman. Tra playoff, Coppa Italia e Supercoppa 10-2 per Bologna contro Roma, Prima del 1945 la Virtus incontrò varie squadre romane: Bruno Mussolini, GUF Roma, Parioli, Lazio

di Ezio Liporesi - Corriere dello Sport - Stadio - 12/01/2020


 

Tante sono le squadre di Roma che hanno incrociato la storia della Virtus. La promozione nella massima serie nel 1934 si giocò tra Virtus, US Milanese e Ginnastica Roma. Furono proprio i capitolini i primi avversari dei bianconeri, questi ultimi prevalsero per 17-16 e il giorno dopo sconfissero i milanesi 17-16. Prima del 1945 la Virtus incontrò in campionato varie squadre romane: la Bruno Mussolini, quattro incontri con i bolognesi che ottennero solo un successo e un pareggio, il GUF Roma battuto due volte, il Parioli di Vittorio Gassman, con cinque successi bolognesi su sei incontri e la Lazio Roma, che poi i bianconeri ritroveranno, periodicamente, anche in seguito, fino ai primi anni '80; in totale contro la Lazio venti incontri con solo due sconfitte e tra le vittorie va segnalata quella del 24 febbraio 1980, 121-95, che rappresenta il terzo miglior bottino offensivo della storia delle V nere, dopo i 122 punti ottenuti in due altre occasioni. Il primo scudetto del 1946 fu vinto, battendo la Reyer Venezia, ma in precedenza le V nere avevano sconfitto la terza squadra del girone finale, la Libertas Roma (che aveva preso il posto di un'altra squadra romana, i postelegrafonici) per 54-25, con 25 punti di Vannini. Virtus e Libertas non s'incontreranno più. L'incontro del 1934 tra Virtus e Ginnastica Roma inaugurò una lunga rivalità con la squadra capitolina, che vanta quattro scudetti nel suo palmares. Uno dei momenti più alti di questa lunga sfida si ebbe il 2 maggio del 1948, in Sala Borsa, quando le V nere nel girone finale affrontarono i romani partendo dalla posizione di un punto in meno in classifica. La netta vittoria bolognese, 39-26, con 14 punti di Ranuzzi e 11 di Rapini, ribaltò il destino del campionato e la Virtus si aggiudicò lo scudetto, il suo terzo. L'anno dopo, con campionato a girone unico, le V nere persero l'ultima gara a Roma, 21-20, ma ormai si erano già guadagnate il quarto titolo tricolore. Nel 1953 la Ginnastica Roma venne inglobata nell'AS Roma e continuò per qualche anno a incrociare il cammino della Virtus, fino alla retrocessione del 1958. In totale 33 incontri con 22 successi bolognesi. Dal 1954/55 era salita nel massimo campionato un'altra squadra romana, la Stella Azzurra, che incontrerà la Virtus Bologna ben 44 volte in campionato e due in Coppa Italia, riuscendo a prevalere solo cinque volte. Le due vittorie in Coppa risalgono al 1973/74, nel corso del cammino che portò la Sinudyne alla conquista della sua prima coppa nazionale. Particolarmente significativa la stagione 1975/76: la Sinudyne e la Stella Azzurra, targata IBP, giunsero, rispettivamente, terza e quarta alla fine della stagione regolare. Alla prima giornata della poule scudetto le due formazioni si affrontarono nella capitale. Prevalse in volata Bologna, 85-87, con cinque giocatori in doppia cifra, 21 punti di Serafini, 18 di Driscoll, 17 di Antonelli, 16 di Caglieris e 10 di Bertolotti, ma fu Massimo Sacco il protagonista nel finale. La squadra di Peterson cominciò una cavalcata che terminerà con la conquista del settimo scudetto, i romani confermeranno la quarta posizione. Due stagioni dopo le due squadre si ritrovarono nel girone A della poule scudetto: bisognava centrare le prime due posizioni per accedere alle semifinali. A una giornata dal termine la situazione vedeva Varese, a punteggio pieno, già qualificata, la Sinudyne con 6 punti e la Stella Azzurra Perugina con 4, tagliata fuori Siena a zero. Roma vincendo di 14 punti avrebbe raggiunto e superato i bolognesi ribaltando il meno tredici della gara disputata in piazza Azzarita. Una delle rare vittorie della squadra romana contro la Virtus non fu sufficiente, perché le V nere limitarono il passivo, 83-77. Furono gli anni di maggior fulgore della Stella Azzurra, che aveva in panchina un giovane Valerio Bianchini. Nel 1962/63 fece la sua effimera comparsa nel massimo campionato anche la Ex Alunni Massimo che perse nettamente i due confronti con le V nere. Nel 1960 era stata fondata una nuova squadra, la Virtus Roma, che sarebbe approdata nella massima serie solo nel 1980, curiosamente lo stesso anno che vide la retrocessione di Stella Azzurra e Lazio. Da allora lo scontro tra le due Virtus è diventato una classica del basket italiano, con 84 incontri di campionato (55-29 per la V bolognese), 9 in Coppa Italia (7-2 sempre per i bolognesi) e addirittura due in Coppa dei Campioni, entrambi vinti dai romani. Andiamo per ordine, appena approdata in serie A1, dopo due campionati interlocutori fuori dai playoff, il Banco vinse la regular season e si confermò nei playoff vincendo il suo primo e unico titolo tricolore. Era il 1983. Proprio in quella stagione, la Sinudyne ottenne a Roma un prestigioso successo sulla lanciatissima squadra romana, guidata in campo da Larry Wright e in panchina da Valerio Bianchini, tornato a Roma dopo l'esperienza a Cantù. Quel giorno Wright segnò 30 punti, ma la star fu Zambalist Fredrick, che ne realizzò 29. Nel 1984, anno in cui la Virtus Bologna, sponsorizzata Granarolo Felsinea, si aggiudicò lo scudetto della stella, il Bancoroma vinse Coppa dei Campioni e Coppa Intercontinentale. È così che l'anno dopo le due squadre si ritrovarono nella massima competizione continentale, con scarsa fortuna per entrambe, relegate in fondo al girone a sei. Nella stagione seguente il Bancoroma fece fuori la Granarolo negli ottavi dei playoff, con un secco 2-0. I bolognesi hanno poi avuto modo di vendicarsi, risultando vittoriosi nei quarti per quattro volte: nel 1994/95 (2-0), 1996/97 (3-2), 1997/98 (3-1 e in gara tre la Virtus festeggiò la conquista dell' Eurolega, avvenuta a Barcellona tre giorni prima), 1998/99 (3-0), insomma quasi una tradizione. Nel 1990 la sfida tra le due Virtus assegnò la Coppa Italia a Forlì e fu la Knorr a prevalere, con 29 punti di un immenso Brunamonti, 24 di un grande Richardson ma ottimo fu anche il contributo di Binelli e Johnson, 17 punti a testa. In campo per l'ambizioso Messaggero Premier, Shaw e Ferry e in panchina di nuovo Bianchini, di ritorno dopo i periodi in nazionale e a Pesaro. Fu l'unica finale di una lunga tradizione anche in Coppa Italia, sempre con passaggio del turno da parte delle V nere: curiosamente ancora nei quarti di finale nel 1984 (gare di andata e ritorno, una vittoria per parte, ma la differenza punti a premiare la Granarolo), nel 1998 (due vittorie), nelle final eight del 2008 e 2009, mentre l'"eccezione" si era avuta nel 2001, quando la Virtus dello slam eliminò i romani, però in semifinale. Nella stessa stagione, il 7 ottobre 2000, ci fu un successo della Virtus Roma nella finale di Supercoppa, in quell'occasione strutturata in un vero torneo e non in gara singola. Tra playoff, Coppa Italia e Supercoppa per la Virtus Bologna sulla Virtus Roma un perentorio 10-2 in queste gare ad eliminazione, con ben otto di questi successi avvenuti a livello di quarti di finale.

 


 

COLPI DI PISTOIA

Domani sera la sfida tra bianconeri e toscani. Negli anni Cinquanta contro la Libertas, poi l'Olimpia e le altre denominazioni: gli avversari cambiano nome, ma la tradizione resta decisamente favorevole
di Ezio Liporesi - Corriere dello Sport - Stadio - 17/01/2020

 

Pistoia Basket 2000, nasce appunto vent'anni fa, andando a riattivare la pallacanestro pistoiese, che aveva visto la società Olimpia Pistoia cedere il titolo sportivo a Fabriano dopo la retrocessione del 1999. La Virtus ha incontrato entrambe le formazioni e negli anni '50 aveva affrontato e battuto tre volte, in amichevole, anche la prima squadra di pallacanestro che spuntò a Pistoia, la Libertas. Virtus in vantaggio nei conteggi dei confronti diretti sia con Olimpia Pistoia, sia con Pistoia Basket. Con la prima addirittura una sola sconfitta in 19 gare di campionato (1-1 il bilancio in Coppa Italia), con la seconda 7 vittorie in 11 gare. Entrambe le formazioni toscane hanno come massimo storico, in campionato, il raggiungimento dei quarti di finale playoff: tre volte vi approda Pistoia Basket, due l'Olimpia, nel 1992/93 e nel 1995/96, e in entrambi questi casi i pistoiesi si trovarono ad affrontare le V nere. Il 6 aprile 1993 gara uno tra la Knorr, prima al termine della prima fase, e Pistoia, ottava e qualificatasi negli ottavi di finale: Binelli ha già tre falli dopo cinque minuti e mezzo, ma un parziale di 14-0, nella seconda metà del primo tempo, fa volare la Virtus. All'intervallo è già 48-28 e un parziale di 12-2 a inizio secondo tempo chiude ogni discorso, con gli ospiti doppiati, 60-30. 103-83 il finale, con la Knorr che manda sei giocatori in doppia cifra, Danilovic 22, Wennington 18, Coldebella 14, Brunamonti, Moretti e Morandotti 10, stritolando così la resistenza toscana, 103-83. Quattro giorni dopo è il sabato di Pasqua e le squadre si ritrovano a Pistoia. I lunghi bolognesi incidono poco, Binelli ha tre falli al decimo minuto, Wennington segna nel primo tempo solo due punti, Carera nessuno. Nonostante questo Virtus avanti 13-24 all'ottavo minuto, però i toscani all'intervallo sono a una sola lunghezza, 51-52. Al 25' Kleenex addirittura avanti 64-59, poi Carera e Wennington danno segni di vita, Danilovic domina e Bologna rientra; a 1'20" dalla sirena perfetta parità, 90-90. A 25" Wennington segna il 90-94 che sembra decisivo, ma poco dopo con due liberi Crippa ribalta 94-95. Palla a Brunamonti, assist per Danilovic e sospensione vincente per il 95-96. uno dei tanti canestri decisivi del numero cinque della Virtus, che nell'occasione segna 29 punti. Pistoia ha 5 uomini in doppia cifra, Binion, Minto, Gay, Forti e Crippa, Lanza subito sotto con 9, ma non basta. Lanza, ex Virtus, scudetto e Coppa Italia nel 1984; Binion e Crippa futuri bianconeri, Joe campione d'Italia un paio di stagioni dopo, Claudio uno scudetto, un'Eurolega nel 1998 e una Coppa Italia nel 1999. Paradossalmente quella di Pistoia fu, per la Virtus, la vittoria più sofferta di tutti i playoff: infatti i bianconeri eliminarono poi Cantù in semifinale, con un autorevole 2-0 e, ancor più nettamente 3-0 Treviso in finale. Sette vittorie consecutive (10 contando anche le ultime tre di stagione regolare) che portarono le V nere all'undicesimo scudetto, dopo nove anni di astinenza. Nel 1996, dopo stagione regolare e fase a orologio, di nuovo V nere al primo posto, mentre Pistoia è nona, ma passa il turno degli ottavi di finale, quindi le due squadre si contendono di nuovo l'accesso alle semifinali. Curiosamente le due squadre si erano incontrate anche nell'ultima partita dell'orologio e la Buckler aveva prevalso nettamente 103-87. Nei playoff, però, gara diversa dalla precedente, toscani avanti al 17' 23-35 e 32-42 all'intervallo, con un ottimo Irving Thomas, visto a Bologna ai tempi di un Wennington spesso a rischio taglio: l'americano dei toscani segna 20 punti nel primo tempo e sono 25 quando deve lasciare per una distorsione al 26' sul 47-49. Woolridge, 18 punti con 8 su 12 al tiro, segna canestri importanti, il 67-67 e poco dopo il sorpasso. Komazec difende bene su Ancillotto, producendo meno del solito in attacco, pur sempre 21 punti (per il croato 6 su 8 da due e ai liberi e 1 su 1 nelle triple con anche 5 assist), ma soprattutto 6 degli ultimi 8, quando Bologna sprinta, nonostante le uscite per falli di Carera e Binelli. Tripla di Minto, 62-66 a 3'40", risponde Moretti sempre dall'arco. Woolridge pareggia, 67-67 e sorpassa, 69-68 a 2', Coldebella a rimbalzo d'attacco segna il 73-70 a 40", tre punti che Bologna mantiene anche alla sirena, 77-74. Nel ritorno a Pistoia non c'è Brunamonti, contrattura al polpaccio sinistro. Thomas dopo quattro minuti cade e, per il riacutizzarsi dell'infortunio di Bologna, deve uscire; Crippa è a mezzo servizio per noie a un ginocchio. La Virtus parte forte, 0-5 dopo un minuto, i toscani reagiscono, 6-7 al 3', ma il solo Ancillotto 27 punti non basta e così all'11' Moretti da oltre l'arco porta i bianconeri sul 18-27, poi due triple di Komazec (22 punti), fissano sul tabellone il 22-34 del 16'. All'intervallo rimangono solo cinque i punti di margine, 33-38, e al 22' la gara è in parità, 38-38, con un parziale di 16-4 per i locali. Komazec e Morandotti hanno 4 falli (come anche Capone nella squadra di casa), ma le Vu nere si portano sul 42-50 al 28'. Ultimo sussulto della Kleenex che si smorza quando Minto fallisce il tiro pesante del pareggio sul 48-51. Con il contropiede sospinto da Coldebella, autore di 20 punti, i bolognesi si portano sul 52-61 al 35' e vincono, senza soffrire, 68-81. Woolridge terzo migliore marcatore dei bolognesi con 17 punti. La Virtus non bisserà il successo del 1993, perché cadrà in semifinale contro Milano ma queste due gare contro Pistoia rimarranno storiche: quella di Bologna è l'ultimo successo di una serie di vittorie casalinghe nei playoff da leccarsi i baffi, durata ben 28 gare, dal 1989 al 1996; quella di ritorno ha sancito il decimo turno consecutivo di playoff superato, dopo i tre in ciascuno dei campionati precedenti.

 

 


 

PROFUMO DI SCUDETTO

La storia della sfida tra Venezia e Bologna, una partita quasi mai scontata. In attesa del quarto di finale in Coppa Italia, stasera va in scena un match spesso determinante per l'assegnazione del titolo
di Ezio Liporesi - Corriere dello Sport - Stadio - 25/04/2020


 

Reyer Venezia - Virtus Bologna, terza giornata di ritorno, è anche l'anteprima dei quarti di finale di Coppa Italia, in programma a Pesaro a metà febbraio. La partita tra lagunari e bolognesi, rappresenta anche una sfida storica tra due squadre di antiche tradizioni, che in occasione dei rispettivi primi trionfi in campionato, si trovarono a contendersi il titolo tricolore.

Nella stagione 1941/42, dopo quindici giornate (il campionato ne prevedeva ventidue) Virtus e Bruno Mussolini Roma hanno 26 punti, la Reyer 25 e la Triestina 24. Le V nere pareggiano, in casa, contro la Bruno Mussolini e le due squadre sono raggiunte a quota 27 da Venezia, mentre la Triestina tallona il terzetto a 26. La settimana dopo le V nere sono a Venezia: 29-20 il risultato che lancia i lagunari verso lo scudetto, ottenuto con 39 punti, davanti alla Bruno Mussolini con 37, poi la Virtus al terzo posto con 35 e la Ginnastica Triestina quarta con 33. Virtus e Reyer sono ancora più in lotta diretta nella stagione successiva: a una giornata dal termine del campionato Bologna ha un punto di vantaggio sui veneti, nonostante questi ultimi abbiano vinto a Bologna nella giornata conclusiva del girone di andata. La ventiduesima e ultima giornata del torneo prevede la sfida tra le due squadre a Venezia. Si gioca il 4 aprile 1943, perché le ultime due giornate di campionato, inizialmente previste per il 14 e 21 marzo, vengono posticipate di due settimane, per il viaggio dei cestisti della nazionale aeronautica in Spagna. Vincono i veneziani 28-24 e, così, si aggiudicano il secondo scudetto consecutivo. Per i bianconeri ennesimo piazzamento e discorso scudetto rinviato. Due stagioni d'interruzione imposte dalla guerra, poi è di nuovo campionato. Un torneo molto particolare per le V nere: intanto non è più disponibile la Santa Lucia e alle V nere viene inizialmente impedito di partecipare per presunte connivenze dei dirigenti con il regime fascista. I giocatori della Virtus si trasferiscono, momentaneamente, in via San Felice ed è la Fortitudo Sigma a iniziare il campionato. Riabilitati i dirigenti, la Virtus può riprendere il suo ruolo e il suo onore, ma mancano solo poche gare alla conclusione. La fase di semifinale, in programma a Reggio Emilia, è brillantemente superata battendo Genoa, Ginnastica Torino e San Giusto Trieste. Si è giocato il 21 e 22 aprile 1946. Poco più di due mesi dopo, la Virtus è a Viareggio per le finali. Battuta nettamente la Libertas Roma, i bolognesi si prendono, finalmente, la rivincita sulla Reyer vincendo 35-31. È il primo scudetto della Virtus. Questo il tabellino bianconero: Girotti 4, Rapini 11, Vannini 6, Cherubini 4, Dondi Dall’Orologio, Bersani 4, Marinelli 6, Calza. L'anno successivo vede Virtus, Reyer, Ginnastica Triestina e Ginnastica Roma confrontarsi nel girone finale. Le V nere cominciano male, perdendo in casa contro Trieste, poi però vincono a Roma e Venezia e pareggiano a Trieste, uscendo dal trittico di trasferte in piena corsa per il titolo. La Ginnastica Roma non si presenta a Bologna e perde la gara 2-0 per rinuncia. A questo punto Bologna ha 7 punti e Venezia 6, ma anche i lagunari danno forfait per la gara di Bologna e il campionato si finisce con questa classifica: Virtus 9, Ginnastica Triestina 7, Reyer 5, Ginnastica Roma 1, le ultime due penalizzate di un punto per le rinunce. Nel 1948/49 per il girone finale si qualificano le stesse squadre, tranne la Ginnastica Triestina, sostituita dall'Olimpia Milano. Venezia però giunge quarta con soli due punti, mentre il titolo va ancora alla Virtus che, presentatasi all'ultima gara del 2 maggio 1948 in Sala Borsa, con un punto in meno della squadra romana, la supera battendola nettamente nel confronto diretto, 39-26. Altro campionato, il primo a girone unico, e altro scudetto per le V nere, mentre la Reyer è solo quinta. Torneo cominciato proprio con la sfida a Bologna, il 14 novembre 1948, tra emiliani e veneti, una partita rimasta nella storia delle V nere per il minore punteggio totale realizzato, 16-11 per i padroni di casa, 27 punti totali. Ecco la formazione bolognese: Bersani 2, Bertoncelli, Ferriani, Marinelli 2, Ca. Negroni 2, R. Ranuzzi 7, Rinaldi, Setti, Da. Zucchi 3, Di. Zucchi.

La Virtus vincerà altri due titoli negli anni '50, ma la Reyer sarà lontana dalle prime posizioni. Poi nel 1976 le due squadre si ritrovano nella Poule Scudetto, con i veneziani provenienti dalla A2. Al termine di quelle 14 partite la Sinudyne sarà tricolore, i lagunari, sconfitti due volte dai bolognesi, sesti. La Virtus vincerà poi altri titoli ma Venezia non si avvicinerà più alle posizioni di vertice, fatta eccezione per la stagione 1980/81 quando Bologna fu seconda e la Reyer, anche in quell'occasione proveniente dall'A2, eliminata ai quarti; entrambe furono protagoniste anche di sfortunate finali europee: la Sinudyne senza McMillian perse di un punto a Strasburgo contro il Maccabi, con molto da recriminare sull'arbitraggio; la Carrera perse di un punto contro Badalona un'incredibile Coppa Korac, subendo un canestro a due secondi dalla fine del supplementare, dopo avere condotto di nove punti a 90 secondi dal termine dei 40 minuti. Era la Venezia di grandi campioni, Dalipagic (che anni dopo con la sua Reyer segnerà 70 punti contro la Virtus), Haywood, ma anche con un buon gruppo italiano, l'ex virtussino Serafini, Della Fiori, Carraro, tutti ex nazionali, poi Grattoni e un giovane Gracis. E quando, recentemente, la gloriosa squadra veneziana è tornata ai vertici del basket nostrano, era la Virtus a essere nelle retrovie: lo scudetto in laguna del 2017 coincise con la promozione delle V nere in serie A, quello del 2019 fu vinto in playoff che non vedevano la tra le squadre qualificate la Virtus, che pure aveva trionfato in Champions League. Forse le due squadre s'incroceranno nei prossimi playoff; sicuramente s'incontreranno nella Final Eight di Coppa Italia, a livello di quarti di finale. Unico precedente nel 1989: la Virtus, lanciata verso la conquista della sua terza Coppa Italia, eliminò l'Hitachi Venezia 103-99, solo dopo un tempo supplementare. In quell'occasione sei giocatori della Virtus Knorr in doppia cifra, otto punti invece li segnò Marcel Starks, antica bandiera Fortitudo, al suo debutto in bianconero, chiamato a sostituire, a gettone, l'infortunato Clemon Johnson.

LE GRANDI SFIDE PLAYOFF CONTRO CANTÙ

di Ezio Liporesi - basketcity.net - 06-07/03/2021

 

Cantù è una trasferta ultimamente poco favorevole alle V nere, ma in passato, soprattutto nei playoff, fu spesso terra di conquista per le V nere. Nel 1976/77 la seconda fase era organizzata in due gironi di quattro squadre e le prime due di ciascun raggruppamento accedevano alle semifinali. Nel girone A Mobilgirgi e Sinudyne, entrambe con 8 punti, terminarono rispettivamente al primo e secondo posto, davanti al Gira Fernet Tonic con 6 e al Cinzano Milano con 2. Nell'altro girone Forst Cantù al comando con 10 punti, poi la Fortitudo a 8. In semifinale la Virtus si trovò a dovere affrontare la Forst. Gara uno in Brianza è senza storia a favore dei padroni di casa, 99-81 ma a Bologna si ribalta tutto e trionfano le Vu nere 98-71, un divario ancora superiore. Si rende necessaria la bella in programma il lunedì di Pasqua a Cantù in diretta Rai. Comanda Cantù nel primo tempo con margini superiori ai dieci punti, poi la rimonta della Virtus fino alla parità. A 10 secondi dalla fine due liberi per Antonelli, segna il primo e Serafini schiaffeggia il rimbalzo sul secondo libero permettendo alle Vu nere di conservare palla e la preziosa vittoria che garantisce l’accesso alla finale, dove le V nere vengono sconfitte da Varese in due sole gare. Nella stagione successiva formula analoga e in semifinale arrivano ancora Varese, Cantù, la Virtus (con sole tre vittorie nel girone, grazie alla differenza punti nei confronti diretti con la Perugina Jeans Roma), mentre la quarta squadra è l'Althea Rieti. I bolognesi e i canturini si trovano nuovamente di fronte e l'andamento della sfida è molto simile a quello di dodici mesi prima: vincono di 10 i brianzoli in casa, 83-73, netto successo della Virtus tra le mura amiche, 100-83, e nella terza partita al Pianella di Cucciago, dopo un avvio favorevole alla Gabetti che prende sette punti di vantaggio, è prepotente il ritorno dei bianconeri i quali, trascinati da Caglieris e Roche che fanno letteralmente impazzire Marzorati, mantengono la Virtus costantemente tra i 10 e i 20 punti di vantaggio e vincono 79-90. Il ritorno dei molti tifosi bolognesi giunti in Lombardia è molto festoso nonostante alcuni pullman debbano fare il viaggio Cantù-Bologna con finestrini rotti per una fitta sassaiola proveniente dai fossi adiacenti alla strada che scende a valle. Per la Sinudyne anche una rivincita della Coppa delle Coppe persa a Milano, proprio contro la Gabetti poco meno di un mese prima. In finale prevale ancora Varese, ma stavolta in tre partite, perché la squadra di Peterson riesce a vincere la gara di Bologna. La stagione 1978/79 è quella dello scudetto di Driscoll allenatore, Cosic e Wells stranieri, il primo tricolore di Villalta, conquistato contro il Billy di Peterson, con un netto 2-0 in finale e un mirabolante 92-113 in gara due. È anche la prima stagione in cui si giocano playoff classici, tutti ad eliminazione diretta, con le V nere che erano arrivate in finale superando Antonini Siena e Arrigoni Rieti, quindi stavolta nessun incrocio contro Cantù. Le strade delle due squadre si incrociano nuovamente nell'annata successiva, il 1979/80. La Virtus approda in finale superando Grimaldi Torino ed Emerson Varese. Contro la Gabetti vittoria a Bologna 94-89 e bis a Cucciago per 88-91 con 37 punti di Jim McMillian, formidabile americano, che forma con Cosic una coppia di valore incommensurabile.

Le due squadre si ritrovano anche nella finale della stagione seguente: la Sinudyne, reduce dalla beffa di Strasburgo, dove senza l'infortunato Jim McMillian (carriera conclusa per lui), ha perso per un solo punto la finale di Coppa dei Campioni contro il Maccabi, subendo un arbitraggio a dir poco sfavorevole, confeziona un playoff memorabile. Giunta quinta nella fase precedente sovverte il fattore campo vincendo gara uno a Pesaro con un canestro di Villalta allo scadere (83-84) e chiude il conto a Bologna, poi fa lo stesso contro Varese (nella prima partita deve fare a meno anche di Bonamico), 88-90 in Lombardia all'overtime e 70-68 in casa. La prima partita di finale è un calvario per i bolognesi, 98-69, ma a Bologna, dove i canturini arrivano già sicuri di festeggiare contro una Virtus in formazione tutta italiana perché anche Marquinho deve dare forfait, succede l'imprevedibile: una formazione con otto decimi del vivaio (solo Caglieris e Villalta non hanno giocato nelle giovanili bianconere) supera gli avversari 85-79 e li costringe alla bella, nella quale i bolognesi, sempre con la medesima formazione, lottano ma escono sconfitti. Dopo tre sfide di playoff vinte contro Cantù, chiudendo la serie sempre con una vittoria in trasferta, le V nere per la prima volta devono soccombere, ma lo fanno a testa alta. La sfida però continua, dopo due incroci di semifinale e due di finale ne stanno per arrivare due nei quarti, nel 1981/82, dopo avere eliminato Livorno negli ottavi, tre gare molto tirate contro Cantù, 90-87 in trasferta, 83-78 a Bologna e nella bella, occorrono ben due supplementari per decretare la semifinalista. La Virtus ha l’occasione di vincere sia nei 40 minuti regolamentari, sia nel primo supplementare, ma nel secondo supplementare con Cantù avanti di 4 e con Bariviera in lunetta sembra tutto perso; ha a disposizione un 2+1, vigeva infatti la regola che se si sbagliava uno dei primi due liberi si aveva diritto a un terzo, ma commette 3 errori (entrerà nella storia bianconera due anni dopo con un doppio errore ancor più decisivo) e Fredrick, 38 punti in 50', si erge a protagonista decisivo, confezionando un 6-0 che porta i bianconeri, guidati in panchina da Aza Nikolic, in semifinale, dove i bolognesi trovano la Scavolini e solo un tiro allo scadere di Zampolini in gara tre a Pesaro toglie alla Sinudyne la sesta finale consecutiva. Dopo tre scudetti e tre secondi posti la Virtus non è più tra le prime due del campionato.

Nella stagione seguente la Sinudyne elimina Forlì negli ottavi, poi sbanca Cantù in gara uno, 81-88, ma non riesce a chiudere a Bologna, in un clima incattivito dalle polemiche sul presunto gioco duro dei bolognesi nella partita disputata in Lombardia: vincono gli ospiti dopo un tempo supplementare, poi gli uomini allenati da Di Vincenzo non hanno la forza di ripetere il blitz, si qualifica la Ford. Dopo sei sfide in sette stagioni, per sette altre annate sportive Bologna e Cantù non si incontrano in queste partite senza domani. Nel 1990-91 si ricomincia dai quarti: nei 6 casi precedenti, solo nella finale del 1980 la Virtus aveva avuto il fattore campo a favore, ma fu l'unica volta in cui non si giocò gara 3, mentre in questo caso la bella è a Bologna e ci si arriva dopo un netto successo felsineo in gara uno, 96-76, e una sconfitta di sei punti fuori casa, 73-67. Nella sfida decisiva i bianconeri prevalgono 80-71. L'anno dopo stessa situazione: nella prima partita a Bologna la Knorr si porta avanti 23-13, ma i brianzoli rimontano e passano a condurre 31-33 e solo con un ultimo guizzo la Virtus è avanti 34-33 alla pausa. Sette punti filati di Coldebella portano la Virtus sul 64-56 al 36'; la quota 64 nell'ultima gara di fase regolare era stata fatale ai bianconeri, che si fermarono a lungo su quel punteggio e persero in casa proprio contro i canturini, al contrario in questa occasione continuano la loro marcia e Zdovc realizza la tripla del 68-60, che diviene poi 72-60. A Cantù gli esterni della Virtus partono forte, 1-6, ma poco dopo i padroni di casa conducono già 21-12 e al 10' Binelli ha già tre falli. All'intervallo Bologna ancora in scia 43-40, più vicina al 25' sul 51-49, ma qui si blocca e la Clear vola sul 60-49. Al 35' Binelli esce a braccia, dopo un'ulteriore danno al suo ginocchio. Con la difesa la Virtus arriva a meno sei a 2'32'' dalla sirena, ma sei saranno anche i punti di distacco alla fine sull'89-83. Gus è indistruttibile e riesce a scendere in campo per gara tre. 8-3 al 2', poi canturini avanti 25-27 al 13'30", ma qui Binelli sale in cattedra e porta i suoi sul 40-33 al 18'; all'intervallo è 44-38 con 25 punti del duo Wennington - Binelli, che alla fine avranno 18 punti a testa. Sprint targato Coldebella in avvio di ripresa e Bologna avanti 52-42 al 23'30", passano 30 secondi e Zdovc commette il quarto fallo, esce e per otto minuti la Virtus segna solo tre punti, Cantù pareggia, ma al rientro Jure firma la tripla del 58-55, bissata subito da Morandotti. Cantù non molla e sorpassa a 28" dalla fine, Brunamonti non trova lo spiraglio per il tiro, allora scarica a Binelli che in sospensione dal vertice sinistro della lunetta firma il 73-72 che porta la Virtus in semifinale. Nel 1992/93 siamo nella prima stagione dell'era Danilovic, la Virtus domina la prima fase e fa percorso netto nei playoff, 2-0 contro Pistoia nei quarti, identico responso in semifinale contro Cantù e 3-0 in finale alla Benetton per lo scudetto numero 11. In gara uno di semifinale Moretti out per la febbre, parte meglio Cantù, 5-10 e 17-22 al 9', ma coi primi cambi, Binelli per Carera e Coldebella per Brunamonti, la coperta Clear appare più corta e proprio Claudio firma un 7-0 con due triple per il 24-22, il parziale si allarga a 20-3 sul 37-25 e a 28-7 al 18' sul 45-29, un +16 che sembra già decisivo. A cambiare tutto l'infortunio a Rossini al 27'30" , forse la Virtus si rilassa, fatto sta che, usciti Binelli e Carera per falli al 35', Cantù a meno tre a 2'42" sul 74-71 e di nuovo a 58" sul 76-73. Fortunatamente i bolognesi mantengono saldi i nervi e vincono 84-77. Altra grande prova di Danilovic, 28 punti, 8 su 11 da due, 2 su 5 da tre e 6 su 10 ai liberi. La Virtus va a giocare il ritorno su un campo dove non vince da 10 anni ancora senza Moretti. Il primo tempo è un festival dei tiri pesanti di Cantù, che chiude avanti 46-36. La ripresa comincia con un 4 su 5 di Wennington, al 26" sul 52-50 Bill esce per preservarlo dai falli, ma a 8'31" dalla fine ne ha già 4, come Binelli, Carera e Morandotti, ovvero tutta la batteria dei lunghi e sembrano tanti i minuti da giocare in queste condizioni. Al 37' esce per falli Danilovic, ma Bologna è passata a condurre 74-77, una perdita importante, infatti anche in questa occasione Sasha è risultato fondamentale, 29 punti, 4 su 6 da 2, 7 su 8 da tre, 3 rimbalzi, 1 recupero e curiosamente nessun libero tirato. Fuori anche un ottimo Binelli, 17 punti con 7 su 9 e 3 su 5 ai liberi, la Virtus trascinata da Coldebella, 15 punti con 3 su 4 da due 0 su 1 da tre e 9 su 10 ai liberi riesce a portare in porto il successo 87-93. Bisogna aspettare il 2010 per ritrovare la decima sfida playoff, la prima sulla distanza delle 5 gare: nei quarti di finale prevale Cantù alla bella in casa, dopo una serie senza sorprese, con i due successi casalinghi dei canturini, le due vittorie delle V nere a Bologna.

 

stagione

turno

fattore campo

gara 1

gara 2

gara 3

gara 4

gara 5

qualificata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1976/77

semifinale

Cantù

Cantù casa

Virtus casa

Virtus fuori

 

 

Virtus

1977/78

semifinale

Cantù

Cantù casa

Virtus casa

Virtus fuori

 

 

Virtus

1979/80

finale

Virtus

Virtus Casa

Virtus fuori

 

 

 

Virtus

1980/81

finale

Cantù

Cantù casa

Virtus casa

Cantù casa

 

 

Cantù

1981/82

quarti di finale

Cantù

Cantù casa

Virtus casa

Virtus fuori

 

 

Virtus

1982/83

quarti di finale

Cantù

Virtus fuori

Cantù fuori

Cantù casa

 

 

Cantù

1990/91

quarti di finale

Virtus

Virtus Casa

Cantù casa

Virtus Casa

 

 

Virtus

1991/92

quarti di finale

Virtus

Virtus Casa

Cantù casa

Virtus Casa

 

 

Virtus

1992/93

semifinale

Virtus

Virtus Casa

Virtus fuori

 

 

 

Virtus

2009/10

quarti di finale

Cantù

Cantù casa

Cantù casa

Virtus Casa

Virtus Casa

Cantù casa

Cantù

 

giocate

Virtus

Cantù

Virtus casa

Virtus fiuori

Cantù casa

Cantù fuori

 

 

 

 

 

 

 

30

18

12

12

6

11

1

 

 

qualificazioni Virtus

qualificazioni Cantù

qualificazioni Virtus con fattorre campo

qualificazioni Cantù con fattorre campo

 

 

 

 

7

3

4

3

 

 

 

 

vittorie Virtus ultima gara casa

vittorie Virtus ultima gara fuori

vittorie Cantù ultima gara casa

vittorie Cantù ultima gara casa

2

5

3

0

 

 

 

 

vittorie belle casa Virtus

vittorie belle fuori Virtus

vittorie belle casa Cantù

vittorie belle fuori Cantù

2

3

3

0