BEATRICE BARBERIS

(Maria Beatrice Barberis)

Beatrice Barberis in allenamento

 

 

nata a: Milano

il: 06/11/1995

altezza: 180

ruolo: ala

numero di maglia: 15

Stagioni in Virtus: 2020/21

DANIELE CAVICCHI

 (foto tratta da www.virtus.it)

Nato a: Bologna

Il: 17/06/1980

Stagioni alla Virtus (come viceallenatore): 2005/06 - 2006/07 - 2007/08 - 2011/12 - 2012/13 - 2013/14 - 2014/15 - 2015/16 - 2016/17

 

BENVENUTA BEATRICE!

tratto da www.virtus.it - 14/06/2020

 

Virtus Pallacanestro Bologna S.p.a. comunica di aver raggiunto un accordo con Maria Beatrice Barberis.

“Sono onorata di entrare a far parte della Virtus Segafredo Bologna, un club storico e prestigioso. Il progetto di quest’anno è stimolante e io darò il massimo per migliorarmi e rendermi utile alla squadra. Spero di portare entusiasmo ed energia. Ringrazio la Società per l’opportunità, cercherò di sfruttarla al meglio!” –  dichiara la nuova giocatrice bianconera.

Guardia/ala piccola di 180 cm, Maria Beatrice Barberis nasce a Milano il 6 novembre ’95.

Cresce cestisticamente tra le fila della Geas S.S.Giovanni ed entra stabilmente nelle rotazioni della prima squadra nella stagione 12/13 in serie B, ritagliandosi un ruolo da protagonista nella promozione del club lombardo in A2.
Nella stagione 13/14 viene confermata nel roster e l’anno successivo, sotto la guida di Coach Zanotti, Barberis vince la Coppa Italia di A2 e conquista la promozione nella massima serie.

Il debutto in A1 avviene nella stagione 15/16. Nonostante le buone prestazioni di Beatrice, 7.9 punti e 4.5 rimbalzi di media in 26.2 minuti di utilizzo a partita, la sconfitta alla penultima giornata sul campo di Vigarano condanna Barberis e compagne alla retrocessione.
Le due stagioni successive in A2 vedono la guardia italiana diventare un punto fisso della Società Lombarda.
Nella stagione 17/18, dopo una splendida cavalcata in Regular Season Beatrice ottiene la seconda promozione in A1.

Dopo una stagione in A1 con il Geas, Barberis lascia il club di Sesto San Giovanni per trasferirsi in forza alla Iren Fixi Torino. Nell’ultima stagione disputata ha giocato 19 gare producendo 12.3 punti, 4 rimbalzi e 3.8 assist di media in 34 minuti di utilizzo a partita.

Con la maglia azzurra fa il suo debutto ad Amsterdam l’8 luglio 2017, nella gara vinta contro la Repubblica Ceca valevole per la Coppa Europa 3×3 Open femminile.

Nell’ottobre del 2017 si è laureata in Lettere Moderne e ha conseguito nel marzo del 2020 la Laurea Magistrale.

Virtus Segafredo Bologna dà il benvenuto ufficiale a Maria Beatrice Barberis nella grande famiglia bianconera.


 

NUOVI ARRIVI E RINNOVI ALLA VIRTUS FEMMINILE

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 10/07/2020

 

VALERIA BATTISODO

Nasce a Pesaro il 3 ottobre 1988.

Playmaker di 174 cm, nel 2005 si trasferisce a Parma in forza alla Lavezzini, dove rimane per tre stagioni. Si trasferisce poi all’Umbertide e, successivamente, gioca due stagioni nel Club Atletico Faenza. Nel 2010 ritorna a Parma, dove viene inserita nel quintetto ideale del campionato nel 2013/14 e 2014/15, anno in cui produce 8.7 punti, 1.8 assist e 2.1 rimbalzi di media in 27.5 minuti di utilizzo a partita

Nel 2015 passa a Schio, dove conquista la prima Supercoppa Italiana e il suo primo scudetto. Nella stagione 16/17 si trasferisce a Lucca conquistando per la seconda volta consecutiva il tricolore. Torna a Schio nella stagione 18/19, vince il suo terzo scudetto e conquista due Supercoppe Italiane. Nell’ultima stagione disputata produce 3.6 punti, 2.4 assist e 1.4 rimbalzi di media in 14.2 minuti di utilizzo a partita. In Nazionale, con l’Under 16 ha giocato gli Europei in Turchia e di Torino, con l’Under 18 quelli di Budapest e Chieti (promozione in Division A), con l’Under 20 quattro esperienze dal 2005 al 2008: Brno, Sopron, Sofia e Chieti. Ha vinto il Trofeo Bam con la Nazionale Under 13. Debutta con la Nazionale maggiore all’All Star Game 2011; per Valeria 14 le presenze e 60 i punti totali con la maglia azzurra.

MARIA BEATRICE BARBERIS

Nasce a Milano il 6 novembre 1995.

Guardia e ala piccola di 180 cm, cresce nel Geas S.S.Giovanni ed entra a far parte della prima squadra nella stagione 2012/13 in serie B, conquistando la promozione in A2. Nella stagione 2013/14 viene confermata e l’anno successivo, vince la Coppa Italia di A2 e conquista la promozione nella massima serie.

Il debutto in A1 avviene nella stagione 2015/16, con 7.9 punti e 4.5 rimbalzi di media in 26.2 minuti di utilizzo a partita, che non bastano ad evitare la retrocessione. Due stagioni in A2, poi nel 2017/18 Beatrice ottiene la seconda promozione in A1.

Dopo una stagione in A1 con il Geas, Barberis lascia il club di Sesto San Giovanni per trasferirsi in forza all'Iren Fixi Torino. Nell’ultima stagione disputata ha giocato 19 gare producendo 12.3 punti, 4 rimbalzi e 3.8 assist di media in 34 minuti di utilizzo a partita.

Con la maglia azzurra fa il suo debutto ad Amsterdam l’8 luglio 2017, nella gara vinta contro la Repubblica Ceca valevole per la Coppa Europa 3×3 Open femminile.

BROOQUE WILLIAMS

Nasce a Pittsburgh il 14 gennaio 1989

Guardia di 175 cm, cresce nella California University della Pennsylvania, affermandosi come una delle migliori giocatrici del college. Brooque risulta prima per il numero di palloni rubati e detiene il primato di miglior marcatrice nella storia sportiva del college. In seguito va in Australia e Germania, dove, con l’Eisvogel Freiburg nel 2013 vince una Dbbl Cup. Debutta nel campionato italiano nella stagione 2014/15 nella squadra di Battipaglia. Nella stagione dell’esordio di A1, con una media di 19.5 punti, sfiora il titolo di miglior marcatrice del campionato. Dopo un anno in Francia in forza all’Arras Pays D’Artois, Williams ritorna a Battipaglia e questa volta conquista il titolo di Top-Scorer della regular season: 19.6 punti di media, con una punta di 36 contro Torino e 5 doppie-doppie in 21 gare. Dopo l’esperienza spagnola all’Al-Qazeres Extremadura, chiusa a 14.1 punti, 5.2 rimbalzi e 1.7 assist, nella stagione 2018/19 torna nel campionato italiano nel Geas Sesto Giovanni. Nell’ultima stagione disputata in Lombardia ha messo a referto 16.7 punti, 4.6 rimbalzi, 2.1 assist di media a partita.

RINNOVI PER TASSINARI E D'ALIE

La Virtus ha poi ufficializzato il rinnovo contrattuale di Elisabetta Tassinari e Rae D'Alie. "bb_sette", capitano delle V nere, nella passata stagione, la prima della Virtus femminile, ha disputato tutti i 19 incontri di Serie A, con una media di 7,1 punti, 2,4 rimbalzi e 1,2 assist a partita in 29,2 minuti di utilizzo. Rae ha fatto registrare 4,4 punti, 2,1 rimbalzi e 1,8 assist di media a partita in 19 minuti di utilizzo.

BARBERIS: “LA SOCIETÀ CI SUPPORTA COME FA CON LA MASCHILE, NON È SCONTATO. CONCENTRAZIONE E DETERMINAZIONE LE NOSTRE CHIAVI”

di Paolo Di Domizio - bolognasportnews.it - 15/01/2021

 

L’ago della bilancia che non si nota molto, quel leader silenzioso che solitamente non emerge per le singole statistiche ma che risulta essenziale sotto tanti aspetti che, di norma, non vanno a finire a referto. Può essere considerata una veterana, anche se ha solo 25 anni, Beatrice Barberis, ala della Virtus femminile, che insieme alle compagne sta trascinando la Segafredo ai piani alti della classifica di Serie A.

La squadra bianconera è ancora terza, grazie alle dodici vittorie ottenute fin qui. Vittorie arrivate anche grazie a Barberis: “Il bilancio fin qui è sicuramente positivo, siamo arrivate ad un livello che forse nessuno ad inizio stagione si immaginava. Siamo contente di quello che stiamo facendo. Non dobbiamo perdere la concentrazione perché il campionato è ancora lunghissimo e ci saranno tante partite difficili che dovremo portare a casa per rimanere in alto in classifica. Il coach è contento del lavoro che stiamo facendo. Dobbiamo continuare a mantenere alta la concentrazione ed essere sempre determinate”. Una Virtus che dunque non si accontenta: “Dobbiamo migliorare sicuramente l’aspetto difensivo, prendiamo a volte troppi punti ed è pericoloso quando magari giochiamo una partita dove in attacco segniamo di meno. Tutto ciò passa dall’aiutarci e dalla comunicazione difensiva.” Una Segafredo che domenica a Ragusa ha perso due punti in volata: “È stata una bella partita, abbiamo messo in campo tutte le nostre energie e quindi non possiamo non essere contente. Abbiamo lottato fino alla fine, nonostante lo svantaggio iniziale. Abbiamo rivisto la partita, abbiamo sbagliato alcuni dettagli che nelle partite punto a punto hanno tanto peso. È stato un buon test per noi, ovviamente poi la sconfitta lascia sempre l’amaro in bocca.” Barberis che a Ragusa c’era, nonostante un problema alla caviglia subito la settimana prima: “Sto bene, anche se mi sono un po’ preoccupata all’inizio. Purtroppo ho la caviglia un po’ instabile e ogni tanto mi capita, però ho recuperato in fretta e a Ragusa stavo bene.” Quasi 8 punti e 4 rimbalzi di media a partita per Barberis che fa anche un bilancio personale della stagione sin qui: “Sono soddisfatta perché sto portando quello che è utile alla squadra, sono disponibile a fare ciò che chiede l’allenatore e ciò di cui hanno bisogno le mie compagne. Sono contenta perché sento la fiducia di tutti e spero di aggiungere sempre un tassello in più”.

Un’amante del basket nella città del basket: “Purtroppo sto vivendo poco Bologna, ero molto felice di arrivare qui e sono riuscita un po’ a godermi la città tra agosto e settembre. Adesso si può fare poco o niente, mi limito a qualche giro in centro. Per adesso la sto vivendo soltanto dal punto di vista sportivo.”

Beatrice è protagonista di un progetto importante della Virtus sia per la squadra maschile che femminile: “Quando sono arrivata qui, condividere la palestra con Teodosic era un sogno ed un privilegio. Ora mi sono quasi abituata e la cosa mi fa molto strano. Il giocatore che ammiro di più? Belinelli. Quando è arrivato gli ho chiesto subito una foto, anche se di solito non si fa, perché per me è sempre stato un idolo. È belli vederli giocare, è bello seguirli quando possiamo ed essere ‘colleghi’ nella stessa società. In Virtus mi sento fortunata e privilegiata, sia per l’opportunità che mi è stata data di far parte di tutto questo sia perché la società ci fa sempre sentire il supporto. Non siamo in secondo piano rispetto alla squadra maschile, nonostante la diversità di impegni e obiettivi anche in ambito europeo. Dobbiamo tutte sfruttare al meglio questa occasione. La società ci segue e ci sta vicino, è molto bello e soprattutto non è una cosa scontata in un ambiente come questo.”